Zazie nel metrò. Adattamento a fumetti del romanzo.

3 luglio 2012, "Pride" n. 146, agosto 2011.

È un'operazione controversa, quella realizzata da Gallimard, storica casa editrice di Raymond Queneau: una versione a fumetti del suo Zazie dans le métro a cinquant'anni dall'uscita del romanzo e a poco meno da quella del riuscitissimo film di Louis Malle.

Il libro aveva avuto all'epoca un impatto rivoluzionario proprio grazie al caleidoscopio linguistico della parlata colloquiale francese, al ritmo forsennato del racconto e alla follia surreale dei suoi personaggi, resi in modo magistrale dalla traduzione Einaudi di Franco Fortini.

Per quel che riguarda la versione disegnata, invece, se l'intento fosse quello di attualizzare il romanzo e far digerire lo sperimentalismo dell'opera letteraria alle nuove generazioni di lettori, non si può dire che il risultato sia del tutto riuscito.

La storia è la stessa: Zazie è una ragazzina di dodici anni che arriva a Parigi dalla campagna per stare qualche giorno con lo zio Gabriel, mentre la madre si distrae col nuovo fidanzato.

Un inopportuno sciopero dei bigliettai le impedisce di salire sull'agognato metrò, così, appena può, la bambina sfugge alla sorveglianza del parentame per importunare una variopinta schiera di personaggi. Tra questi c'è un viscido "satiro" nerovestito, altrimenti detto, col linguaggio di oggi, "pedofilo", ma di ampi gusti: "Mi piacciono le ragazzine... e i ragazzini", ammette candidamente.

C'è poi il tormentone delle domande insinuanti di Zazie sui gusti sessuali dello zio Gabriel, il quale di professione fa la "ballerina di varietà" in una "discoteca per checche": nonostante la si cerchi di abbindolare, la ragazzina intuisce che un "ormosessuale" (sic) è qualcosa di proibito...

La versione fumettata di Zazie nel metrò sconta una certa mancanza di coraggio: l'autore francese Clément Oubrerie non osa intepretare fino in fondo con la peculiarità fumettistica l'originale romanzesco, che forse l'ha messo in soggezione. E così la gabbia delle pagine risulta troppo rigida, l'umorismo folle di Queneau disinnescato e banalizzato, il ritmo rattrappito, lo spirito dei personaggi travisato. Soprattutto quello della protagonista, che da sboccata e incantevolmente ribelle preadolescente degli anni cinquanta si riduce nel fumetto ad un'anacronistica monella odiosa e molesta.

Un passo falso fatto in buona fede, riscattato dagli splendidi disegni graffiati di Oubrerie e dal suo notevole sforzo nella ricostruzione della Parigi d'antan.

Per una volta, adeguata la confezione di lusso dell'edizione Rizzoli-Lizard.

La riproduzione di questo testo è vietata senza la previa approvazione dell'autore.

Potrebbe interessarti anche…

autoretitologenereanno
José-Louis Bocquet, CatelKiki de Montparnassebiografico2008
Joann SfarPascinbiografico2008
autoretitologenereanno
AA.VV.Hidden from historymiscellanea1989
AA.VV.Homosexuality in Modern Francemiscellanea1996
AHEADCombattere l'omofobiasaggio2011
James BaldwinCamera di Giovanni, Laromanzo1962
Manfred Baumgardt100 Jahre Schwulenbewegungmiscellanea1997
William BenemannMale-male intimacy in early America:saggio2006
François BuotGay Parissaggio2013
Renaud CamusTricksromanzo2012
Nicole CanetHôtels Garnis: garçons de joiecatalogo2012
Patrick CardonDiscours littéraires et scientifiques fin-de-sièclesaggio2008
Tutti i risultati (67 libri) »
titoloautoredata
Il matrimonio del fabbro
La sottocultura dei sodomiti nella Parigi del Settecento
Michel Rey31/08/2004
titoloartistaanno
Far away (Jesus is gay)Niklas von Wolff, Gael Hausmann2007
You do something to meSinead O'Connor1991

Le recensioni più lette di questi giorni

  1. 3

  2. 4

    Relax (videoclip , 1983)

    di

  3. 5

    Ludwig II (libro , 1987)

    di

  4. 6

    Sebastian (film , 2024)

    di

  5. 7

    Day (libro , 2024)

    di

  6. 8

  7. 9

    In memoriam (libro , 2023)

    di