You're my love prize of one wing

Le fans della Yamane sulla Rete han fatto cagnara perché questo volumetto, il terzo della serie "viewfinder" (del 2005), porta in italiano il titolo di quello che in Giappone è in realtà il quarto della serie, che in Italia (per fortuna) non è uscito... Ma tanto le storielline della Yamane sono talmente seriali e uguali fra loro che anche se si stampasse sempre lo stesso volume con titoli diversi temo che io non noterei la differenza...

La vicenda principale, "Naked truth", divisa in episodi (pp. 3-132), mette in scena lo scontro all'ultimo sangue tra Fei Long e Riuichi Asami.
Fei Longrapisce due amici del giovane fotoreporter Akihito Takaba e annuncia che li ucciderà se il bel fotografo efebico non sottrarrà ad Asami un elenco di affiliati alla sua yakuza, che intende liquidare fisicamente.

Lo svolgimento alterna scopate e sparatorie, con la novità che adesso Akihito è proprio cotto del suo serial raper e pretende dai lui l'ammmmore: "Ma che vuoi da me? Che t'importa! A te non è mai importato nulla di me!". Della serie: "Visto che ormai ti ho dato il cu... allora tu devi darmi il cuore". Questo sì che è Vero Amore!
E quando il libidinoso uke ammette: "Sentivo che il lato oscuro di quest'uomo aveva cominciato ad avvolgermi", con le parole "lato oscuro" non sta alludendo al fatto Asami è un criminale assassino, bensì... alla sua omosessualità. Signorina Yamane, lei è un faro per tutti noi sulla considerazione da dare all'omosessualità.

Ma questa tizia la pensa davvero così e non c'è nulla da fare. Quando Asami narcotizza Akihito per non averlo tra i piedi e va a saggiare la trappola tesagli da Fei Long (da qui, sparatoria e sei morti ammazzati), Akihito resta solo nell'albergo dove ha appena ceduto il suo corpo fremente alle brame dell'Oscuro Signore. Uno dei mafiosi cinesi irrompe e lo prende prigioniero, ma Akihito riesce a liberarsi seducendolo ("Sono un branco di pervertiti e devo approfittarne", p. 82) ed eccitandolo ("Sai che ha fatto il tuo boss? Mi ha incatenato e messo in una posizione a dir poco imbarazzante. Poi ha gettato alle ortiche il suo orgoglio di uomo (...) me l'ha messo dentro e ha spinto fino a farmi perdere i sensi" (p. 81)... e infine colpendolo facendogli perdere i sensi. E poi dicono che l'omosessualità non fa male.

Liberati gli amici e rivisto Asami vivo, Akihito va a cercare Fei Long, trovando lui e un sacco di guai. Fei Long lo stupra (e questa è una scena di stupro vero) dopo di che, essendosi sfogato, sta per ammazzare il ragazzo ("Ora non mi servi più"), ma qui ovviamente irrompe Asami.
Nell'immancabile sparatoria tutti e tre vengono feriti, e l'episodio si conclude con Fei Long che fugge dal tetto in elicottero (ogni mafioso cinese ne tiene uno in balcone a portata di mano, giusto in caso venga utile) portandosi via Akihito come ostaggio: "Se ti importa davvero di lui dovrai venire a Hong Kong" (p. 130).
E come dio volle anche 'sto guazzabuglio di pornomafiosi finisce qui. Per stavolta.

Il successivo "Love surprize" (sic), alle pp. 133-150, è un grazioso raccontino più riuscito della media, che presenta Akihito alla festa di capodanno con gli amici che pasticciando col suo cellulare chiamano il numero di Asami, che in teoria Akihito non avrebbe dovuto avere. Nel cercare di rimediare al pasticcio il ragazzo lo peggiora ulteriormente, finché trova il coraggio di chiedere scusa e chiede ad Akihito di venirlo a prendere. Quando Asami arriva trova Akihito ubriaco e lo porta via in macchina. Akihito si sveglia mentre Asami glielo sta mettendo: "Così inauguriamo alla grande il nuovo anno" (p. 149). "Uffa! Ma deve finire così anche a capodanno?", è il suo commento. Ho trovato efficace la descrizione della banda di amici, ragazzotti che scherzano e si prendono in giro a vicenda, con Akihito che non può spiegare che il numero chiamato non è quello di una donna bensì... ma che approfitta dell'incidente per dare via libera ai suoi sentimenti, che altrimenti reprime.

"Baked sweet glasses" (sic, forse intendeva dire glacés), alle pp. 151-172, è il racconto scombinato d'un piazzista che cerca di vendere una partita di mutande all'aitante buyer di un grande magazzino cambiandosele davanti a lui. Si scoprirà poi che ne era innamorato sin da ragazzino. Finale prevedibile: in un letto.

Infine l'insulso "Giovani foglie innamorate" (pp. 179-191) parla della rivalità scolastica di due amici, ed è un mero riempitivo, senza nulla di esplicitamente gay.

Il finale del volume annuncia la prossima pubblicazione del quarto volume della serie, ma per fortuna la minaccia è stata sventata e nel 2012 tale pubblicazione non aveva ancora avuto luogo.

La riproduzione di questo testo è vietata senza la previa approvazione dell'autore.

Potrebbe interessarti anche…

autoretitologenereanno
Ayano YamaneCrimson spell 1, Theshōnen'ai2007
Ayano YamaneCrimson spell 2, Theshōnen'ai2010
Ayano YamaneCrimson spell 3, Theshōnen'ai2010
Ayano YamaneYou're my love prize in binding cageshōnen'ai2010
Ayano YamaneYou're my love prize in viewfindershōnen'ai2005

Le recensioni più lette di questi giorni

  1. 2

    Isabella (fumetto, 1966)

    di

  2. 4

  3. 8

    Sukia (fumetto, 1978)

    di

  4. 9

    Lady Oscar (serie tv, 1979)

    di