Head On

8 marzo 2004

Ritratto greve di un giovane disadattato votato all'autodistruzione, incapace di uscire da un circolo masochista di sesso casuale e conflitti sociali.

Ana Kokkinos delude lo spettatore che conosca le sue opere precedenti non riuscendo a sollevarsi oltre un vittimismo senza orizzonti, descritto con stile ingenuo e approssimativo. L'apparente coraggio nella messinscena in realtà si scontra con ipocrisie gratuite e con un maledettismo di maniera, antiquato e piagnucoloso, inautentico e studiato a tavolino. Evidentemente Ai cessi in tassì ha ancora molto da insegnare.

La riproduzione di questo testo è vietata senza la previa approvazione dell'autore.

Altre recensioni per Head On

titoloautorevotodata
Head OnVincenzo Patanè04/08/2005

Le recensioni più lette di questi giorni

  1. 1

  2. 5

    Relax (videoclip , 1983)

    di

  3. 8

  4. 9

    Dune (libro , 1984)

    di

  5. 10

    Spatriati (libro , 2021)

    di