L'atelier di Veronica

2 agosto 2004

Questa sit-com gradevole è tutta incentrata sulla brava Kristie Alley, ma una delle sue più riuscite fonti di comicità è il personaggio di Josh, con il tormentone della sua omosessualità velata, o forse sarebbe meglio dire inconsapevole.
Fin dalla prima puntata, infatti, a tutti i personaggi, fissi o occasionali che siano, l'omosessualità di Josh appare evidente, come appare evidente allo spettatore: è l'unico personaggio maschile a commentare puntualmente la bellezza degli altri uomini, senza contare che dispensa alle sue colleghe consigli su vestiario, pulizie domestiche, ricette, ecc. Ma Josh rimane convinto della sua eterosessualità fino alla terza stagione.
Una delle puntate più paradossali ("Veronica's great Model Search", 1998) lo vede addirittura convincere un vecchio amico di studi, Scotty, a fare coming out poco prima del matrimonio. Scotty tenta invano di fare altrettanto con Josh, che diverrà consapevole della propria omosessualità solo nelle ultime puntate, quando anche il suo fidanzamento salterà: sollecitato da Veronica, dopo che durante l'addio al celibato ha baciato un vicino di casa, Josh si decide infine a dichiararsi gay durante la cerimonia di nozze ("Veronica helps Josh out", 2000). Veronica, madrina orgogliosa, sigla la puntata con un "that's my boy!" biascicato tra le lacrime (in questa puntata Kristie Alley dà il meglio di sé).
Nella puntata successiva Josh si fidanza proprio con il vicino di casa, un uomo di colore effeminato ma anch'egli convinto della propria eterosessualità (nell'ultima puntata della serie farà però coming out con dei genitori ultracomprensivi e presenterà loro Josh, accettato senza problemi nonostante sia... bianco). Anche se in questa puntata si lascia intendere, ribaltando il gioco dell'intera serie, che entrambi non fossero inconsapevoli della loro omosessualità, ma semplicemente velati.
Nel complesso comunque il personaggio di Josh è ben tratteggiato e il suo interprete lo tiene lontano dagli eccessi degli stereotipi con cui pure gioca, facendone un tipo tradizionale sì, ma dotato di una certa credibilità drammatica e anche di una sua vena originale.


La serie purtroppo ha avuto una vita piuttosto travagliata nella terza stagione, tra cali d'ascolto e l'abbandono di alcuni attori, e alla fine è stata prematuramente sospesa: le ultime quattro puntate registrate non sono state nemmeno trasmesse.

La riproduzione di questo testo è vietata senza la previa approvazione dell'autore.

Potrebbe interessarti anche…

titolointerpreteanno
Contempery Eaton, Wallas1959
autoretitologenereanno
Malcolm McLarne, Alan Moore, Antony Johnston, Facundo PercioFashion Beastfantascienza2016
Filippo ScòzzariPrimo Carnera1982
autoretitologenereanno
Gianni BassoGay livingmiscellanea2004
Mino CaudanaItalia nudasaggio1973
Massimo ConsoliKiller aidsbiografia1993
Filippo Tibertelli de PisisAdamo o dell'eleganzasaggio1998
Eleonora Del Vecchio, Giovanbattista BrambillaMaschi da dietrosaggio2002
Mario GuarinoVersace versus Versacesaggio2003
Daniel HarrisRise and Fall of Gay Culture, Thesaggio1997
Eric J. HobsbawmSecolo breve - 1914/1991, Ilsaggio2003
Angelo PezzanaDentro & Fuoribiografia1996
Marco Rubiola, Oliviero ToscaniHomofobicussaggio2006
Tutti i risultati (15 libri) »
titoloautoredata
Vanity BearMarco Albertini22/02/2011
titoloanno
Ugly Betty2006
titoloartistaanno
Being boringNeil Tennant, Chris Lowe1990
VogueMadonna, Niki Haris, Donna DeLory1990

Le recensioni più lette di questi giorni

  1. 1

  2. 5

    Relax (videoclip , 1983)

    di

  3. 8

  4. 9

    Dune (libro , 1984)

    di

  5. 10

    Spatriati (libro , 2021)

    di