Sonetti dell'amore oscuro, I [1936]

19 settembre 2004

Composizioni intensissime d'amore, fra le cose più belle mai scritte da Federico Garcia Lorca (1898-1936), l'unica sua opera poetica esplicitamente a tematica (finalmente!) omosessuale, per questo solo fatto furono censurate per decenni dalla famiglia (che negava addirittura la loro esistenza!).


La pubblicazione ha del rocambolesco. L'opera rimase inedita per la morte dell'autore.

Nel 1984 un amico del poeta che ne possedeva una copia manoscritta, stanco di bugie, la stampò clandestinamente a sue spese e la spedì ai giornali spagnoli. La famiglia fu così costretta ad ammetterne l'esistenza e ad approntarne in fretta e furia un'edizione "ufficiale"... ovviamente negando il carattere omosessuale dell'opera e preferendo il titolo meno compromettente di Sonetos de amor.

Eppure non si tratta di un'opera "rivoluzionaria" (a iniziare dalla scelta "classica" della forma del sonetto): Garcia Lorca non si è liberato dalla sua paranoia e dalla sua ossessione per la "sterilità" dell'amore omosessuale. Tuttavia è riuscito almeno a dare qui voce alla sua passione senza ricorrere a complicate simbologie ermetiche, come fa altrove:

"Temo di perdere la meraviglia

dei tuoi occhi di statua e la cadenza

che di notte mi posa sulla guancia

la rosa solitaria del respiro.


Temo di essere lungo questa riva

un tronco spoglio, e quel che più m'accora

è non avere fiore, polpa, argilla

per il verme di questa sofferenza.


Se sei tu il mio tesoro seppellito,

la mia croce e il mio fradicio dolore,

se io sono il cane e tu il padrone mio


non farmi perdere ciò che ho raggiunto

e guarisci le acque del tuo fiume

con foglie dell'Autunno mio impazzito"

(p. 25 dell'ed. Newton Compton).


Di quest'opera esiste un'altra edizione:

Sonetti dell'amore oscuro, e altre poesie inedite, Garzanti, Milano 1985, che però a mio parere offre una traduzione forse eccessivamente libera, e che non sempre rende adeguatamente le sfumature.

In compenso offre il testo a fronte, che permette immediati confronti.


L'edizione Newton Compton che ho usato qui, invece, ha una traduzione più fedele (e, io trovo, più riuscita), nonché un prezzo economicissimo, ma è meno curata.

La riproduzione di questo testo è vietata senza la previa approvazione dell'autore.

Potrebbe interessarti anche…

nomeprofessioneautoreanni
Federico Garcia LorcapoetaLavinia Capogna1898 - 1936
autoretitologenereanno
AA. VV.Mapa callejeromiscellanea2010
AA.VV., Francesco Monicelli, Gianni Vattimo, Pascal Janin, Stefano Donini, Andreas Sternweiler, Gianni Rossi BarilliBollettino della società letteraria n. 9miscellanea1996
Enrique ÁlvarezDentro/fuerapoesia2010
Andrea BergaminiAmori grandi per grandi uominibiografia2000
Clemente FuseroGarcia Lorcabiografia1969
Federico Garcia LorcaPoeta a New Yorkpoesia1976
Federico Garcia LorcaSonetti dell'amore oscuropoesia2006
Laura LaurenziLiberi di amaresaggio2007

Le recensioni più lette di questi giorni

  1. 1

    Isabella (fumetto, 1966)

    di

  2. 4

    Relax (videoclip, 1983)

    di

  3. 5

    Sukia (fumetto, 1978)

    di

  4. 6

  5. 7

  6. 8

    Altri libertini (libro, 1980)

    di

  7. 9

    Mani di fata (film, 1983)

    di