The last of England

18 novembre 2004

Costruito con la disomogeneità e la varietà di stili e formati propria del cinema della neoavanguardia (colore e bianco e nero, 35 mm e super 8, inquadrature fisse e macchina a mano, deformazioni ottiche, accellerati, rallentati, ecc.), e con un occhio alla poesia beat, The Last of England è probabilmente il film più cupo e pessimista di Jarman.

Privo di un intreccio vero e proprio, il film descrive un presente degradato, messo in contrasto con un passato - quello dell'infanzia - più spensierato, e con un futuro ancora più cupo e decisamente apocalittico.

L'intento di Jarman è quello di prendere posizione contro la guerra delle Falkland, e lo fa descrivendo un paese alla deriva, un'Inghilterra fatiscente preda di quello che sembra un regime militare che si accanisce contro giovani sbandati che passano il tempo a drogarsi e a girovagare per periferie desolate.

Non mancano qua e là le provocazioni camp, ma il film è più controllato di altri del regista. La scena più provocatoria - e una delle più memorabili di tutto il cinema di Jarman - è affidata a un ragazzo che, prima dell'esecuzione, sveglia il suo carnefice ubriaco e lo coinvolge in un rapporto sessuale su un'enorme bandiera inglese.

Al contrario di altri film di Jarman, The Last of England non concede speranze. Il narratore, pur laconico, è perentorio: "E il domani? Il domani è stato abolito per mancanza di interesse".

La riproduzione di questo testo è vietata senza la previa approvazione dell'autore.

Potrebbe interessarti anche…

titoloanno
Blue1993
Caravaggio1986
Edoardo II1991
Garden, The1990
Sebastiane1976
autoretitologenereanno
Derek JarmanCiò che resta dell'Inghilterraintervista2007
Vincenzo PatanèCento classici del cinema gaysaggio2009

Le recensioni più lette di questi giorni

  1. 1

  2. 5

    Relax (videoclip , 1983)

    di

  3. 8

  4. 9

    Dune (libro , 1984)

    di

  5. 10

    Spatriati (libro , 2021)

    di