Little Britain

21 dicembre 2004

Questa serie comica, ideata inizialmente per la radio e passata poi alla televisione, si deve all'iniziativa di due giovani attori, David Walliams e Matt Lucas. I due interpretano quasi tutti i personaggi ricorrenti della serie (donne incluse), che in tutto sono un'ottantina.

La maggior parte di questi personaggi sono il frutto di una comicità squisitamente britannica che non disdegna una certa crudeltà psicologica, mista a trovate surreali, amene assurdità, abbondante satira sociale e soggetti irregolari, spesso politicamente scorretti e talora decisamente originali (come una crudelissima dietologa obesa, un finto invalido, un ragazzino gerontofilo che flirta con la nonna novantenne di un suo amico).


Ogni puntata si divide in sketch (alcuni geniali, altri piuttosto ripetitivi) incentrati su uno o due personaggi ricorrenti, tra i quali vi sono: Daffyd Thomas, un giovane che non riesce ad accettare l'idea di non essere l'unico gay del suo paesino di provincia; Sebastian, l'effeminato assistente del primo ministro, innamorato del suo capo; Sir Bernard Chumley, un attore che vive di ricordi e cerca maldestramente di adescare ragazzi; Emily Howard, uno sgraziato travestito che si considera una donna a tutti gli effetti, cerca disperatamente di ottenere conferme da tutte le donne che incontra e odia... i travestiti.


Nel dicembre del 2006 Matt Lucas ha fatto parlare di sé per la festa di "nozze" in costume che ha organizzato per celebrare la sua unione con il fidanzato Kevin McGee.

La riproduzione di questo testo è vietata senza la previa approvazione dell'autore.

Altre recensioni per Little Britain

titoloautorevotodata
Grande little britainVari21/01/2008

Le recensioni più lette di questi giorni

  1. 2

    Isabella (fumetto, 1966)

    di

  2. 5

    Relax (videoclip, 1983)

    di

  3. 7

  4. 8

    Sukia (fumetto, 1978)

    di