Adone

15 febbraio 2005

A più riprese in questo romanzo appaiono rozze allusioni all'omosessualità, e perfino a qualche stereotipato avvenimento gay.

Vedi le pp. 122-125 (presentazione grottesca di militanti gay: "Adone li esortò a non ridere, perché l'aula era tappezzata di manifesti del F.U.O.R.I., cioè del grande movimento che tentava di creare una società omosessuale, [sic] come se il senso dell'omosessualità, almeno in questa cultura, non fosse principalmente quello di essere un atto profondamente antisociale", p. 122), 163-164, 190-191, 252, 286-87, 345-353 (rapporto omosessuale del protagonista: nel ruolo attivo, naturalmente!).

Puah.

La riproduzione di questo testo è vietata senza la previa approvazione dell'autore.

Le recensioni più lette di questi giorni

  1. 1

    Relax (videoclip, 1983)

    di

  2. 4

    What/If (serie tv, 2019)

    di

  3. 5

  4. 7

  5. 8

    Altri libertini (libro, 1980)

    di

  6. 9

    Sukia (fumetto, 1978)

    di