Banana Fish 1

18 marzo 2005, Pride n° 44, febbraio 2003

E’ un racconto di J.D.Salinger, l’autore de Il giovane Holden, ad ispirare il curioso titolo di questa serie a fumetti: Un giorno ideale per i pescibanana.

Uscito in Giappone nel 1984, dal novembre 2002 Banana Fish è arrivato finalmente anche in Italia, pubblicato dalla benemerita Planet Manga, che già ci aveva deliziato qualche anno fa col godibile New York New York.

Come in quello, anche le vicende di questo fumetto sono ambientate a New York, e i protagonisti sono aitanti giovanotti alle prese con intrecci polizieschi. Ma le affinità di Banana Fish col suo predecessore finiscono qui, soprattutto per lo stile del racconto. L’autrice Akimi Yoshida, infatti, ci propone una curiosa mescolanza di azione, thriller e soap-opera, nella quale la presenza di personaggi gay viene data per scontata, e dove l’omosessualità del protagonista non è causa di drammi esistenziali.

Ash, diciassettenne capo di una gang di quartiere, bello, spavaldo e dal passato burrascoso, si scontra col mafioso Papa Dino, col quale ha avuto in passato una relazione, per venire in possesso di una misteriosa sostanza allucinogena, chiamata Banana Fish. Nella vicenda vengono coinvolti due reporter giapponesi, arrivati negli States per un’inchiesta sulle bande giovanili: uno di questi, il timido e complessato Eiji, si lascia ben presto affascinare dal giovane Ash, decidendo cosi di seguirlo in un rocambolesco viaggio da costa a costa.

Sembrerebbe l’ennesima storia d’amore melensa tra l’efebo biondo e quello moro, come in centinaia di altri manga del genere shonen-ai (amori maschili)… Banana Fish sfugge invece a classificazioni di ogni genere: lo spazio dedicato alle vicende sentimentali viene compensato dall’attenzione all’intreccio avventuroso, che non risparmia sparatorie, inseguimenti e scazzottate. Anche la narrazione procede in maniera asciutta, senza gli psicodrammi e le stucchevolezze floreali ai quali ci hanno abituato certe autrici nipponiche. La compattezza di tavole e vignette rende poi questo fumetto particolarmente consigliato a chi ha poca simpatia per l’”indisciplinato” linguaggio dei manga.

Uniche pecche, il disegno un po’ legnoso e alcune ingenuità nei dialoghi, soprattutto nel tentativo della Yoshida di riprodurre lo slang delle bande giovanili americane.


La riproduzione di questo testo è vietata senza la previa approvazione dell'autore.

Altre recensioni per Banana fish 01

titoloautorevotodata
Banana fish 01Giovanni Dall'Orto
26/12/2004

Potrebbe interessarti anche…

autoretitologenereanno
AA.VV.Happy boysdrammatico2004
Mark Millar, John RomitaKick-Ass (omnibus)comico2012
Matt Wagner, Steven Seagle, Guy DavisSandman Mystery Theatre: il fantasma della fierapoliziesco/criminale2003
Akimi YoshidaBanana fish 02manga2002
Akimi YoshidaBanana fish 03manga2003
Akimi YoshidaBanana fish 04manga2003
Akimi YoshidaBanana fish 05manga2003
Akimi YoshidaBanana fish 06manga2003
Akimi YoshidaBanana fish 07manga2003
Akimi YoshidaBanana fish 08manga2003
Tutti i risultati (21 fumetti) »
autoretitologenereanno
AA. VV.Mapa callejeromiscellanea2010
Joe Ackerley, Martin Sherman, Robert Gellert, Eric BentleyGay playsteatro1992
Dennis AltmanOmosessuale, oppressione e liberazionesaggio1974
Bruce Benderson, James BidgoodJames Bidgoodfotografia1999
William BenemannMale-male intimacy in early America:saggio2006
Renaud CamusTricksromanzo2012
George ChaunceyGay New Yorksaggio1994
Warwick CollinsSignoriromanzo2001
Massimo ConsoliStonewallsaggio1990
Charles Henri Ford, Parker TylerPoveri perversiromanzo1961
Tutti i risultati (31 libri) »
titoloanno
Pose2018

Le recensioni più lette di questi giorni

  1. 1

  2. 6

    Relax (videoclip , 1983)

    di

  3. 8

  4. 9