Che mi dici di Willy?

22 aprile 2005, "A qualcuno piace gay" (La libreria di Babilonia, 1995)

Il titolo originale, a differenza di quello insulso italiano, è molto significativo: Longtime Companion, compagno di lunga data, è il modo col quale nei necrologi i gay ricordano un partner convivente.

E' il primo film che abbia trattato direttamente l'Aids e perciò merita un'attenzione particolare, nonostante i suoi vistosi limiti. La struttura è a tesi: mostrare come un gruppo di otto persone, tra cui una donna, viva l'avvento della malattia, che ne muta logicamente i comportamenti e li falcidia, fino a farne sopravvivere solo quattro.

Attraverso dei flash, viene mostrato un giorno per ogni anno dal 1981 al 1989. L'inizio è una sorta di Eden, in quella Fire Island che è un paradiso riservato ai gay, tutti in eccellente forma fisica; qui gli amici, turbati solo minimamente dalle notizie sulla nuova malattia, ci scherzano su, continuando i loro quotidiani divertimenti: nuotate, passeggiate sulla spiaggia, discoteche. Il tutto all'insegna di una piena libertà sessuale (anche se di sesso in realtà non se ne vede proprio&).

La morte del bel John apre invece il confronto con una realtà ben diversa e ogni giorno più pesante: la malattia si rivela devastante sia sul fisico - non vengono risparmiati né flebo né funerali - che sullo spirito, viste le paure e la difficoltà dei rapporti che si vengono ad instaurare.

Nonostante la pretesa di realismo, il film risulta, col suo levigato e garbato pudore, falso e consolatorio. Non riesce ad ampliare un orizzonte claustrofobico, poiché il suo universo si limita agli otto personaggi - tutti appartenenti all'upper class, bianchi ed economicamente solidi - escludendo altre classi sociali o altri aspetti della malattia. Per arrivare alfine, attraverso soluzioni ad effetto, ad una logica strappalacrime (degna di una soap-opera, di cui peraltro condivide le psicologie stereotipate e poco approfondite) che trova la sua esaltazione nell'ultima scena, ai limiti del kitsch: l'abbraccio universale che vede gli amici morti e i sopravvissuti riuniti in un mondo finalmente senza Aids, tornato alla primigenia età dell'oro della spensieratezza e della libertà sessuale.

Tra gli attori spiccano per bravura l'ottimo Bruce Davison e Campbell Scott.
La riproduzione di questo testo è vietata senza la previa approvazione dell'autore.

Altre recensioni per Che mi dici di Willy?

titoloautorevotodata
Che mi dici di Willy?Alessandro Martini
25/05/2009

Le recensioni più lette di questi giorni

  1. 3

  2. 4

    Sukia (fumetto, 1978)

    di

  3. 5

    What/If (serie tv, 2019)

    di

  4. 6

    Relax (videoclip, 1983)

    di

  5. 7

    Girlfriend (videoclip, 2013)

    di

  6. 8

  7. 9

    Greta (film, 2019)

    di