Fuori dalla città invisibile. Il disagio degli adolescenti glbt

1 maggio 2005

Per me che, come giornalista, mi sono sempre sforzato di sgrovigliare i fatti per esporli nel modo il più semplice consentito dalla complessità della realtà, è un po' sull'"altra sponda" un libro come questo, che mira al contrario a dare spessore e complessità a questioni che ai miei occhi appaiono semplici, allo scopo di dimostrarne la legittimità come campo di studio sociologico.

Per dirla con la presentazione: "riconoscere criticamente dignità di studio all'omosessualità significa attribuire a quest'ultima complessità, ed ammettere la necessità e l'emergenza per le scienze umane e sociali di nuove interpretazioni e di strumenti efficaci sia per intervenire nel complesso sociale che per arricchire il vocabolario dei lavori sociali, con ricadute nel vissuto quotidiano e nel senso comune".

Volendo si potrebbe anche polemizzare con una realtà accademica, come quella italiana, incapace di comprendere la realtà se non l'ha prima tradotta e codificata nel suo gergo iniziatico, ma non mi pare questo il luogo e il momento: il dato importante di questo libro è infatti la circostanza di essere nato da un convegno dell'Agedo (l'associazione di genitori di omosessuali) di Palermo, uno dei più attivi e innovativi d'Italia, e di essere dedicato al disagio degli/delle adolescenti omosessuali e transessuali. Già per il fatto di esistere questo libro è un miracolo. Mi astengo quindi dalle critiche.

Metà degli interventi qui contenuti mira appunto a dimostrare (a un contesto accademico arretrato e cattolico come quello italiano, che a parte pochissimi casi ha sempre snobbato - se non temuto - l'omosessualità come campo di ricerca), che l'acqua calda è calda, cioè che l'omosessualità è un campo di ricerca e intervento legittimo, dimostrando che la tematica può essere tradotta nell'astruso linguaggio sociologichese, ed è quindi un tema legittimo.

Se questa operazione è necessaria (e temo fortemente lo sia) non sarò io a criticarla: ponti d'oro a chi la compie.

In Italia, a parte gli studi di Barbagli/Colombo e Saraceno, non si sa nulla della realtà omosessuale, dal punto di vista sociologico.

L'altra metà degli interventi (fra i quali uno mio: Giovanni Dall'Orto, "Fra Scilla e Cariddi. Il disagio dell'adolescente glbt fra società eterosessuale e mondo omosessuale") ha invece un tono più colloquiale e mira a raccontare e descrivere lo stato dei fatti in Italia.

L'indice degli interventi è insomma variegato, e presenta a fianco a fianco interventi tecnici, diretti a un pubblico di operatori sociali e di studiosi di sociologia, e racconto di esperienze "sul campo" dei genitori dell'Agedo.


Ecco l'elenco dei titoli degli interventi:

  • "Dall'icona della diversità alla comunità di pratiche", di Gioacchino Lavanco,
  • "Per una sociologia del riconoscimento: omosessualità e identità sociale", di Cirus Rinaldi;
  • "Le identità omosessuali", di Claudio Cappotto (un riassunto di approcci teoretici sociologici americani al tema dell'identità glbt),
  • "Fuori dalla città invisibile: strategie, intevrventi e riflessioni", di Claudio Cappoto;
  • "Omosessualità e counseling", di Manuela Campo;
  • "La diversità come dono. Un'esperienza vissuta a Palermo", di Francesca Marceca, presidente dell'Agedo di Palermo,
  • "Relazioni familiari dei giovani omosessuali: la voce delle famiglie", di Chiara Bertone, Lucia Bonuccelli, Claudio Cappotto, Cirus Rinaldi;
  • "Società civile e lotta per la giustizia sessuale", di Chet Meeks, e infine
  • "Omosessualità, complessità e mutamento", di Cirus Rinaldi e Claudio Cappotto.

A differenza di quanto avviene in opere simili pubblicate negli Usa, è qui assente la voce del movimento gay, se si eccettua il mio intervento.

Inoltre, per un libro che si propone come utile strumento per gli operatori sociali, manca a dire il vero anche un intervento che analizzi le motivazioni e la dimensione d'un atteggiamento di disagio, se non ostilità vera e propria, da parte degli operatori sociali italiani.

Trattare la questione dando per scontato che costoro siano neutrali verso il tema, ma solo un poco disinformati, è un eccesso di benevolenza che non tiene conto di quanto il silenzio esistente in materia in Italia non derivi da banale disinteresse, bensìda attiva e aggressiva ostilità preconcetta, determinata a censurare il tema.

La cultura cattolica da cui è espresso questo atteggiamento ha dimostrato negli ultimi anni, al governo, di quanti e quali danni fosse capace, una volta abbandonato l'ìatteggiamento di apparente "benign neglect"!

Ma a dire il vero non si può addossare a un solo asino l'intero carico di una nave. Il solo fatto di avere posto il problema del disinteresse italiano è già un grosso merito di questo libro. Non gli si può chiedere che faccia anche i miracoli.

Per tutto il resto, aspetteremo quindi che germoglino i semi che esso ha gettato.

La riproduzione di questo testo è vietata senza la previa approvazione dell'autore.

Potrebbe interessarti anche…

titolointerpreteanno
My Brother Is Gay Vandals, the 2002
autoretitologenereanno
Copi (pseud. Raul Damonte-Taborda)Fantastico mondo dei gay, Ilcomico1987
JuanolOCi piacciamo!fiaba2007
Ralf KönigRoy & Alcomico2006
Maureen ListenQuesto terzo sesso che non è un sessocomico1995
Francescsa Pardi, Desideria GuicciardiniQual è il segreto di papà?fiaba2011
Eva VillaAyakurashōnen'ai2000
autoretitologenereanno
AA.VV.Belli & perversiracconti1987
AA.VV.E l'ultima chiuda la portamiscellanea1996
AA.VV.Politica del corpo, Lasaggio1976
AA.VV.Punto G, Ilepistolario2004
AA.VV.Sesso nomadesaggio1992
AA.VV.Transessualismo, Ilmiscellanea1997
AA.VV.Transessualità oltre lo specchiomiscellanea2007
AA.VV., Alberto Bigagli, Mirella Sandonnini, Mattia Morretta, Giuseppe Anastasi, Maurizio Palomba, Roberto del Favero, P. MucchiatiRivista di scienze sessuologiche, VIII 2miscellanea1995
AA.VV., Stefano Rodotà, Mario Pollo, Giacomo Rossi, Domenico Pezzini, Marcello Matté, Paola Dall'OrtoOmosessualitàmiscellanea1993
Raffaella Ammirati, Federica IannettiSenza Pacssaggio2006
Tutti i risultati (72 libri) »
titoloautoredata
L'identità omosessuale: cos'è, a che serve, come si cucinaGiovanni Dall'Orto30/08/2008
titoloartistaanno
Smalltown boyJimmi Somerville, Steve Bronski, Larry Steinbachek1984
So gay?Michael Vaughn, Chris Tanner2007

Le recensioni più lette di questi giorni

  1. 1

    Isabella (fumetto, 1966)

    di

  2. 3

    Sukia (fumetto, 1978)

    di

  3. 5

    Altri libertini (libro, 1980)

    di

  4. 6

    Relax (videoclip, 1983)

    di

  5. 7

  6. 8

  7. 10

    UnHung Hero (film, 2013)

    di