Identità negata. La discriminazione sessuale nel mondo

2 maggio 2005

Questo briefing di Amnesty International è dedicato al tema della discriminazione dell'orientamento sessuale delle persone GLBT nel mondo e il suo titolo illustra il principio da cui muove: posto che l'orientamento sessuale è uno degli elementi costitutivi dell'essere umano, il diritto di determinarlo liberamente e il diritto di esprimerlo senza paura devono essere considerati diritti umani nel senso più completo del termine, nell'ottica della Dichiarazione universale dei diritti umani e di altri atti sulla protezione internazionale dei diritti umani. Come scrive Albie Sachs, giudice della Corte costituzionale del Sudafrica, nel 1998, tanti e diversi sono i modi in cui si attua la discriminazione nei confronti delle persone, in quanto appartenenti a determinati gruppi oggetto di condanna, repressione, persecuzione. Nel caso degli omosessuali, la storia e l'esperienza insegnano che i problemi vengono innanzitutto dall'invisibilità: «ciò che lede la dignità e l'autostima è la colpevolizzazione del desiderio, l'essere considerati perversi, le vergogna [e la repressione, ndr] delle manifestazioni spontanee d'affetto, il divieto di esprimere l'amore, la negazione di una piena cittadinanza morale nella società con l'unica colpa di "essere quello che sei"» (p. 3). A questi interdetti di carattere religioso, culturale, (im)morale, si unisce la violenza fisica sanzionata dalle legislazioni che non solo puniscono con carcerazione le relazioni sessuali tra persone dello stesso sesso (in almeno 70 paesi del mondo), ma addirittura prevedono la pena di morte per omosessualità (Arabia Saudita, Sudan, Mauritiana e Iran). E questo senza parlare delle disparità di trattamento riservata dalle leggi vigenti alle persone omosessuali rispetto alle persone eterosessuali. Il tema affrontato nell'opuscolo è immenso, e, pur nei limiti imposti dallo spazio, e dalle stesse scelte operate dagli estensori, esso offre un'informazione soddisfacente quanto ai principali problemi implicati dal tema, con esempi e storie tratti da varie parti del mondo. Un'attenzione particolare è dedicata ai pericoli che, nella comunità come negli spazi privati, corrono le lesbiche, le persone transessuali, i giovani. Molto importante e significativo è il documento (pp. 28-30) di Amnesty International, articolato in nove richieste rivolte ai governi, atte ad assicurare la protezione dei diritti umani delle persone GLBT.
La riproduzione di questo testo è vietata senza la previa approvazione dell'autore.

Potrebbe interessarti anche…

autoretitologenereanno
AA.VV.Transessualità oltre lo specchiomiscellanea2007
AA.VV., Pietro Amat, Riccardo Gottardi, Sergio Ardis, Moreno MarcucciPositivo scomodosaggio2007
AA.VV., Franco Grillini, Gianpaolo Silvestri, Corrado CarrubbaOpportunità e discriminazionimiscellanea2000
Dario AccollaGay stanno tutti a sinistra, Isaggio2012
Arcigay, Miles Guardi, Giorgio Dell'AmicoImmigrazione e omosessualitàmiscellanea2009
Andrea MaoriDossier Libertà Controllatadocumenti2012
Ezio Menzione, Stefano RodotàManuale dei diritti degli omosessualisaggio1996
MIT, Agedo, Arcigay, Arcilesbica, Famiglie ArcobalenoGuida ai diritti delle persone lgbtsaggio2011
Carlo ScovinoCongiura del silenzio, Lamiscellanea2000
Luca VolontèCongiura di Torquemada, Lasaggio2007
titoloanno
Äkta människor2012

Le recensioni più lette di questi giorni

  1. 2

    Isabella (fumetto, 1966)

    di

  2. 4

    Relax (videoclip, 1983)

    di

  3. 6

  4. 8

    Sukia (fumetto, 1978)

    di

  5. 10