Querelle de Brest

24 maggio 2005, "A qualcuno piace gay" (La libreria di Babilonia, 1995)

Tratto da un celebre e controverso libro di Genet, è l'ultima opera di Fassbinder. Dopo aver rischiato di vincere il Leone d'oro a Venezia, dove il presidente Marcel Carné lottò strenuamente per la sua vittoria, è stato censurato in Italia ed è uscito (con un Brest in più nel titolo...) tagliato di centocinque secondi, quelli in cui Querelle è sodomizzato da Nono dopo aver finto di aver perso a dadi.

Fassbinder ha letto il film in una chiave religiosa, come un cammino rituale di passione verso la purificazione. Lettura in effetti possibile (si pensi alla "via crucis" del film): Querelle è un "angelo della solitudine" che uccide in preda ad una sensuale follia omicida, ma anche come estremo atto d'amore - un chant d'amour che vive nell'esaltazione della carne e in assenza di sentimenti - e che poi cerca di espiare l'omicidio facendosi prima sodomizzare da Nono e da Mario e poi consegnando Gil alla polizia.

Al di là di questa lettura, Querelle comunque è un personaggio tipicamente genetiano, "un allegro suicida morale", schiavo di quell'eccitazione e di quell'aura particolare che dà l'omicidio (vuole conoscere Gil perché è affascinato da un altro colpevole): ladro, contrabbandiere, attaccabrighe, bugiardo, ma soprattutto di una bellezza bruciante che fa diventare schiavi gli altri. A cominciare dal tenente Seblon, un carismatico Franco Nero, che sfoga le sue pulsioni inespresse sfogliando nudi d'arte, confidandosi al registratore e battendo nei cessi.

Non c'è bisogno di accettare tutte le azioni di Querelle per rimanere colpiti dalla sua figura e da questo film, girato in pochi giorni in studio a Berlino, dove tutto è elegantissimo: le scenografie di uno spazio fortemente simbolico, dai moltissimi elementi fallici e dalle luci aranciate e violette, le recitazioni sincopate e ieratiche, le frasi tratte da Genet, le canzoni di struggente malinconia (Si uccide ciò che si ama, canta Jeanne Moreau). Ma soprattutto un Brad Davis al massimo della forma, che uccide l'oggetto di desiderio per proporsi egli stesso come tale allo spettatore, punto d'arrivo al di là di ogni concezione morale, in cui la discesa negli abissi del Male sembra dissolversi in un abbagliante alone.
La riproduzione di questo testo è vietata senza la previa approvazione dell'autore.

Potrebbe interessarti anche…

nomeprofessioneautoreanni
Rainer Werner Fassbinderregista, attoreMauro Giori1946 - 1982
Leendert HasenboschsoldatoGiovanni Dall'Orto1695 - 1725
autoretitologenereanno
Altan (pseud. Francesco Tullio Altan)Colombocomico1978
autoretitologenereanno
AA.VV.Da Sodoma a Hollywoodcatalogo2002
William BenemannMale-male intimacy in early America:saggio2006
B.R. BurgBoys at seasaggio2007
Adolfo CaminhaNegro, Ilromanzo2005
Nicole CanetHôtels Garnis: garçons de joiecatalogo2012
Richard DyerCulture of Queers, Thesaggio2002
Federico GarzaQuemando mariposassaggio2002
Boze HadleighCelluloid Gazeintervista2002
Leondert HussenloschSodomy punish'ddocumenti1726
Vincenzo PatanèCento classici del cinema gaysaggio2009
Tutti i risultati (15 libri) »

Le recensioni più lette di questi giorni

  1. 1

    Isabella (fumetto, 1966)

    di

  2. 3

    Sukia (fumetto, 1978)

    di

  3. 5

    Relax (videoclip, 1983)

    di

  4. 6

    Altri libertini (libro, 1980)

    di

  5. 7

  6. 8

  7. 10

    UnHung Hero (film, 2013)

    di