Streamers

24 maggio 2005, "A qualcuno piace gay" (La libreria di Babilonia, 1995)

"Streamers" (letteralmente "banderuole") sono i paracadutisti che cadono irrimediabilmente verso il vuoto, trascinati da una forza irresistibile, perché non si è aperto il paracadute e lasciano una scia, "stream" appunto. Nel film, streamers sono questi giovani che aspettano di imbarcarsi per il Vietnam, in una guerra di cui a loro non importa niente.

I quattro bravissimi protagonisti - premiati tutti coralmente alla Mostra di Venezia - vivono claustrofobicamente nella baracca, in un'atmosfera elettrica, piena di aggressività e di paure, che si fa sempre più surriscaldata fino a sfociare nella tragica conclusione, preannunciata dal tentato suicidio di Martin.

Se per buona parte della storia, Roger riesce a stemperare il nervosismo di Billy, dalla solida cultura provinciale, infastidito dalle proposte di Ritchie, è Carlyle a trasformare le schermaglie verbali in un gioco al massacro. La sua aggressività fa da miccia esplosiva a tutti conflitti latenti: razziali, sociali e soprattutto sessuali, poiché l'omosessualità di Ritchie nega il culto della virilità tipico dell'esercito.

Nel film, però, non c'è una presa di posizione nei confronti dell'omosessualità, che nella storia funge soprattutto a scatenare astio fra i personaggi, attirandoli come il miele attira gli orsi in un gioco sadomaso in cui dietro il rifiuto compare il desiderio del sesso, non a caso argomento principe delle conversazioni. Ma sesso non ce n'è, solo qualche corpo nudo sotto la doccia.

Molto teatrale nella sua impostazione, il film - diviso in tre momenti separati da dissolvenze incrociate - si svolge in un unico luogo, con un efficacissimo gioco di macchina da presa.

Molto parlato, con una straordinaria violenza verbale, riesce ad evidenziare le nevrosi di una società che sa uccidersi già prima di andare in guerra. Ma è anche intessuto di molti luoghi comuni e di quell'isterismo tipico del teatro americano.

Così, la cosa migliore sono i straordinari titoli di testa: un'esercitazione militare violentemente ritmata nella nebbia, quasi un allucinante balletto di marionette in controluce. E la presenza nella camerata di un ragazzo coricato sulla branda che non proferisce mai parola, simbolo di una società che sta a guardare senza far niente.

La riproduzione di questo testo è vietata senza la previa approvazione dell'autore.

Potrebbe interessarti anche…

autoretitologenereanno
Howard CruseFiglio di un preservativo bucato (Nuova edizione 2012)drammatico2012
Tom of Finland (pseud. di Touko Laaksonen)Comic collection, Theerotico2005
autoretitologenereanno
AA.VV.Secolo gay, Ilmiscellanea2006
AA.VV., Poul Anderson, Samuel Delany, Philip José FarmerDangerous visionsracconti1991
AA.VV., Nerina Milletti, Luisa Passerini, Elena Biagini, Alessandra Cenni, Nicoletta Poidimani, Gabriella Romano, Laura SchettiniFuori della normamiscellanea2007
Jonathan Anderson, Edwin LowAthlete / Warriorfotografia2005
Gianni BaldiDolce Egeo, guerra amarasaggio1988
Giorgio BassaniOcchiali d'oro, Gliromanzo2005
Sandro BellassaiMascolinità contemporanea, Lasaggio2004
William BenemannMale-male intimacy in early America:saggio2006
Philippe BessonAmico di Marcel Proust, Unromanzo2005
Gian Piero BonaEros Antérospoesia1965
Tutti i risultati (36 libri) »
titoloanno
Grey's Anatomy2005

Le recensioni più lette di questi giorni

  1. 1

    Relax (videoclip, 1983)

    di

  2. 4

  3. 5

    What/If (serie tv, 2019)

    di

  4. 7

  5. 8

    Sukia (fumetto, 1978)

    di

  6. 9

    Altri libertini (libro, 1980)

    di