Picnic ad Hanging Rock

12 giugno 2005, "A qualcuno piace gay" (La libreria di Babilonia, 1995)

Arrivato in Europa con un certo ritardo e salutato da un notevole successo di critica e di pubblico, è il film che fatto conoscere il cinema australiano ed il raffinato talento di Peter Weir.

Ispirato ad fatto di cronaca, rimasto all'epoca insoluto, la vicenda, pur partendo da connotazioni realistiche, riesce ad elevarsi ad una sfera fantastica, densa di rimandi letterari, come Poe e Byron, e di un profondo senso dell'arcano. Soprattutto grazie alle sottili suggestioni offerte dalle struggenti, nostalgiche note del flauto di Pan e dalla fotografia dolce e soffusa.

Anche in questo caso, però, la storia, quasi paga di quest'inquietante atmosfera sospesa, non cerca a tutti i costi una soluzione: più che risolvere il mistero inesplicabile della scomparsa delle ragazze - che anzi, man mano che la vicenda va avanti, si arricchisce di ulteriori risvolti fantastici e simbolici - il film si concentra sul conflitto natura/cultura, che peraltro diventerà il nodo centrale del cinema di Weir.

All'ingovernabilità delle forze primigenie della natura, incommensurabilmente più forti dell'uomo, si contrappone in modo stridente la rigida ed inflessibile educazione vittoriana del college: così, quando le leggere, candide vesti delle educande si inerpicano tra le rocce infuocate della minacciosa roccia, perdendovisi, si consuma la rivincita della natura.

Il film non è tout court sull'omosessualità, ma è proprio all'amore che lega Sara a Miranda (quello di Miranda per l'amica non ci è dato conoscerlo) che è affidato il compito di mediare fra le leggi perfette della natura e quelle puritane della cultura borghese.

L'amore di Sara per la splendida Miranda, dagli eleganti tratti botticelliani, rientra esteriormente nel mai domo filone degli amori collegiali; ma, benché consumato solo sul ricordo e sulla lontananza, qui ha una forza inconsueta ed una profondità umanissima e quasi impalpabile ed è tra i più intensi legami saffici mai visti sullo schermo. Un sentimento elegante e pudico che rientra perfettamente nello stile raffinatissimo del film, che si dipana con una particolare grazia, distillando le impagabili emozioni del fascino dell'ignoto.

La riproduzione di questo testo è vietata senza la previa approvazione dell'autore.

Potrebbe interessarti anche…

autoretitologenereanno
Shinobu Gotoh, Kazumi OhyaJune prideshōnen'ai2005
Keiko KonnoChe carino!shōnen'ai2004
Keiko KonnoChe carino! 2shōnen'ai2004
autoretitologenereanno
AA.VV.Hidden from historymiscellanea1989
Joe Ackerley, Martin Sherman, Robert Gellert, Eric BentleyGay playsteatro1992
Barbara AlbertiPrincipe volante, Ilracconti2004
Arnaldo De Lisle (pseud. Giuseppe Garibaldi Rocco)Uomo-femmina, L'romanzo1899
Pier Luigi Ferro, Gian Piero LuciniMesse nere sulla Rivierasaggio2010
Hans FerversGodere l'amoresaggio1973
Edward Morgan ForsterMauriceromanzo1999
Paul GoldingIndicibile variante dell'amore, L'romanzo2003
Gruppo AltèraViola shockingracconti1995
Alan HollinghurstBiblioteca della piscina, Laromanzo1989
Tutti i risultati (27 libri) »

Le recensioni più lette di questi giorni

  1. 1

    Isabella (fumetto, 1966)

    di

  2. 4

    Sukia (fumetto, 1978)

    di

  3. 5

  4. 6

    Relax (videoclip, 1983)

    di

  5. 7

    Mani di fata (film, 1983)

    di

  6. 8

  7. 10

    Altri libertini (libro, 1980)

    di