Un chant d'amour

12 luglio 2005, "A qualcuno piace gay" (La libreria di Babilonia, 1995)

Un chant d'amour (ossia "Un canto d'amore") è in assoluto uno dei capisaldi del cinema gay. Colpito più volte da forti tagli censori, perché tacciato di pornografia, e circolato solo in proiezioni private od alternative, il film è definitivamente uscito dal suo oblio solo nel 1971 a Londra.

Prodotto grazie a Nikos Papatakis (il regista de Les equilibristes), è l'unico film di Jean Genet, lo scrittore maledetto autore di Querelle de Brest.

La vita di Genet, omosessuale e ladro, si è svolta al di fuori di ogni canone usuale e quando nel 1950 girò questo film era uscito di prigione (dove aveva trascorso molto tempo) da due anni, grazie all'interessamento di alcuni scrittori, come Cocteau o Sartre. Per lui la prigione era il luogo privilegiato del desiderio, dove la presenza di carnefici e vittime, di segregazione e di violenza, acuisce i sensi appagando come non mai ogni fantasia sessuale.

Muto ed in bianco e nero, il film è stato girato in economia e con discrezione (gli stessi nomi dei personaggi e degli attori sono particolarmente vaghi). Il fatto che sia ambientato in una prigione lo rende più che mai autobiografico (come del resto tutta la sua opera), una lirica e sensuale proiezione dell'immaginario fantastico di Genet. Ma è altresì, il trionfo visivo di ogni immaginario omosessuale, in cui amore e violenza, sesso e poesia si mescolano potentemente, in un insieme di immagini riunite analogicamente (e talvolta alogicamente) con grande libertà, quasi un universo simbolico a sé stante.

E' un amore lirico nel sogno del tunisino, la sua fuga nei campi con il suo oggetto del desiderio, o i fiori di melo finalmente ghermiti; ma è un amore che si confronta con la violenza - il secondino che frusta e forse violenta il tunisino - e con il sesso, mai esplicito ma evidente in tanti simboli (la pistola nella bocca o la cannuccia con il fumo alludono ad una fellatio) e nella nudità dei personaggi, i cui corpi sono sfolgoranti di sensualità.

Il film si realizza in realtà soprattutto sul piano delle immagini e degli sguardi: immagini di corpi avvinghiati in marcati controluce, che ricordano le foto di Platt Lynes, e di sguardi rubati all'intimità dei prigionieri che lo spettatore, più voyeur dello stesso secondino, riesce a spiare.


La riproduzione di questo testo è vietata senza la previa approvazione dell'autore.

Potrebbe interessarti anche…

autoretitologenereanno
AnonimoAttualità neraerotico1978
Giancarlo Berardi, Maurizio ManteroMyrna: io sono mianoir2009
Valerio Bindi, M.P. CinqueAcqua Stortanoir2010
Tom of Finland (pseud. di Touko Laaksonen)Comic collection, Theerotico2005
Akimi YoshidaBanana fish 02manga2002
Akimi YoshidaBanana fish 19manga2005
autoretitologenereanno
AA.VV.Gay rootsmiscellanea1991
AA.VV.Littérature et homosexualitésaggio2003
AA.VV.Transessualità oltre lo specchiomiscellanea2007
Joe Ackerley, Martin Sherman, Robert Gellert, Eric BentleyGay playsteatro1992
Arturo ArnalteRedada de violetassaggio2003
Georges BatailleLetteratura e il male, Lasaggio2006
Luigi Romolo CarrinoAcqua Stortaromanzo2008
Muhammad ChoukriJean Genet e Tennesse Williams a Tangeribiografia1995
Jean Cocteau, Yukio Mishima, Jean Genet, Marcel JouhandeauTravestimentisaggio2007
David ComptonMarte, colore di sangueromanzo1975
Tutti i risultati (36 libri) »
titoloanno
Oz1997

Le recensioni più lette di questi giorni

  1. 3

  2. 4

    Relax (videoclip , 1983)

    di