Jean Genet e Tennessee Williams a Tangeri. Due scrittori gay in trasferta.

31 ottobre 2005

Muhammad Choukri, nato nel 1935 da famiglia marocchina poverissima (e morto nel 2003), è stato un prostituto, un drogato, un carcerato e un analfabeta che ha imparato a leggere a vent'anni. Ma in carcere è riuscito, con la forza della volontà, a farsi un'istruzione, e ad entrare nell'establishment culturale del suo Paese (il Marocco), scrivendo anche vari libri, il più noto dei quali è la sua autobiografia Il pane nudo (Theoria, Roma-Napoli 1990), che fu tradotta in inglese e fatta conoscere da Paul Bowles.

Nel presente libro sono pubblicate insieme due operette, relative all'incontro e alla frequentazione di Choukri, scrittore "locale" ed eterosessuale, con due grandi scrittori internazionali ed omosessuali, in visita a Tangeri (la sua città): Jean Genet e Tennessee Williams.

Choukri, che annota scrupolosamente sul suo diario tutte le conversazioni che ha avuto con loro nonché i piccoli avvenimenti quotidiani, si comporta da gentiluomo. Non affronta mai di petto il tema omosessuale, raccontando la quotidianità di quei giorni in modo tale che chi non desidera sapere certe cose, non le sappia.
Ecco quindi gli "amici" indigeni, perfino gli "amici carissimi", le "persone frequentate"... ma a quale titolo, lo decida il lettore.

Parlando di Genet emergono i nomi dei suoi partner Muhammad al-Zarrad e Muhammad al-Quatrani, descritti in modo simpatetico, da persona di mondo che sa, capisce, e non giudica.
Simpatetico anche il ritratto di Muhammad al Mrabet, altro "protetto" di Paul Bowles (che trascrisse e tradusse i suoi racconti orali).

Più ironica la descrizione di Ahmed, il bellissimo ex paracadutista amante dello scrittore Edouad Roditi, che cerca sfacciatamente di sedurre Genet, che però ne è solo infastidito (pp. 26-31).
Cattivella anche la descrizione di Baxter, l'amante toy-boy che accompagna Tennessee Williams a Tangeri, ritratto come un bambolotto bello e vuoto.

Appaiono aneddoti anche su altri personaggi, come lo scrittore Roland Barthes, Gavin Lambert, il pittore Brion Gysin (e il suo amante Bilal): per farla breve, un'intera generazione di artisti europei "esiliati del sesso" appare e si muove sullo sfondo, incontrata nei bar o alle feste private (alle pp. 54-55 è descritto persino un bordello omosessuale, gestito da un italiano).

Choukri sente vicino Genet, probabilmente per la loro esperienza comune, lo tratta con deferenza, lo descrive come una persona buona e generosa anche nelle sue relazioni omosessuali (e nell'aggiornamento postumo dell'opera, alle pp. 92-97, è perfino toccante la storia degli ultimi due partner della vita di Genet, nominati suoi eredi), ma nota come il Genet "maledetto" conosciuto dai suoi libri fosse ormai solo una posa letteraria, a cui la persona reale non corrispondeva più.

Più schietta di quella di Genet la descrizione di Williams, ritratto mentre chiede con divertita sfacciataggine di trovargli un bel ragazzetto indigeno (pp. 126-127 e 128), ma con il quale la conversazione può essere solo stentata per via della barriera della lingua.

La genesi di queste pagine, vere "pagine rubate" di diario, ci restituisce la quotidianità di due scrittori che, come molti altri, a Tangeri cercavano anche il sesso facile coi ragazzi del luogo.
Ed è interessante leggere per una volta la vicenda descritta dal punto di vista di una persona del luogo anziché dal solito punto di vista dei turisti occidentali.

La riproduzione di questo testo è vietata senza la previa approvazione dell'autore.

Potrebbe interessarti anche…

nomeprofessioneautoreanni
Paul Bowlesscrittore, musicistaGiovanni Dall'Orto1910 - 1999
Wilhelm von PlüschowfotografoGiovanni Dall'Orto1852 - 1930
autoretitologenereanno
AA.VV.Gay rootsmiscellanea1991
AA.VV.Littérature et homosexualitésaggio2003
AA.VV.Peccati venialiracconti2004
AA.VV.Principesse azzurreracconti2003
AA.VV.Sesso nomadesaggio1992
Georges BatailleLetteratura e il male, Lasaggio2006
Mario BolognariRagazzi di von Gloeden, Isaggio2012
Donatella BoniGeografia del desideriosaggio2003
Paul BowlesSenza mai fermarsibibliografia1991
Paul BowlesTè nel deserto, Ilromanzo1989
Tutti i risultati (55 libri) »

Le recensioni più lette di questi giorni

  1. 1

    Isabella (fumetto, 1966)

    di

  2. 4

    Sukia (fumetto, 1978)

    di

  3. 5

  4. 6

    Relax (videoclip, 1983)

    di

  5. 7

    Mani di fata (film, 1983)

    di

  6. 8

  7. 10

    Altri libertini (libro, 1980)

    di