Charles Dickens si rivolta nella tomba

1 maggio 2013

“Twist” ha l’ambizione di trasporre sul grande schermo e attualizzare in modo efficace il celeberrimo triple-decker dickensiano, in poco più di un’ora e mezza: non ce la fa.

Nella versione cinematografica, l’orfanello Oliver è un biondo diciassettenne di Toronto che si fa reclutare dal prostituto Dodge nel giro del laido pappone Fagin. Ci sono anche Nancy, barista del Three Cripples Diner che tenta di salvare i ragazzi dallo sfruttamento ma finisce uccisa dal violento compagno Bill, e un senatore senza nome, che prende Oliver sotto la sua ala protettrice salvo poi scaricarlo per tornare dalla moglie. C’è infine David, fratello maggiore di Dodge, che lo segue ossessivamente con l’apparente intenzione di salvarlo dalla strada e condurlo sulla via di casa e dell’eterosessualità – ma in realtà è il classico omosessuale represso e lacrimoso che vuole solo farsi praticare una fellatio dal fratellino.

Ora, l’adattamento non è sempre peggio dell’originale, e il libro non è sempre meglio del film. Detto questo, “Twist” fallisce miseramente laddove respinge con tutte le sue forze l’oggettività e gli spunti di critica sociale cui “Oliver Twist” spronava i suoi lettori: i clienti d’alto rango pagano profumatamente i prostituti derelitti per poi voler solo parlare della loro madre morta o dei canoni estetici contemporanei, rigorosamente con tutti i vestiti addosso; la macchina da presa si allontana sistematicamente da sesso, violenza e sporcizia (si vedono giusto un ago fugacemente infilato in un avambraccio e un po’ di ketchup sulla fronte di Dodge); alla trama secondaria del senatore, che poteva risultare molto interessante, sono riservate tre rapidissime sequenze che fanno appena intuire la questione. Il finale circolare, perlomeno, evita facili consolazioni – ma ovviamente non è abbastanza.

“Twist” può rimanere un buon esercizio di memoria per chi lo guarda: in fondo è dilettevole individuare chi è chi e fare un parallelo con le vicende del romanzo. Purtroppo, però, si tratta di un film meno che mediocre.

La riproduzione di questo testo è vietata senza la previa approvazione dell'autore.

Potrebbe interessarti anche…

autoretitologenereanno
Giulia ArgnaniUp all nightdrammatico2015
Alison BechdelSei tu mia madre? - Un'opera buffadrammatico2012
Giancarlo Berardi, Lorenzo Calza, Ernesto MichelazzoJulia - Le avventure di una criminologa: "Dietro le quinte"poliziesco/criminale2011
Flavia BiondiBarba di perledrammatico2012
Howard CruseFiglio di un preservativo bucato (Nuova edizione 2012)drammatico2012
Régis Loisel, Jean-Louis Tripp, Francois LapierreEmporio: "Marie"; "Serge"; "Gli uomini"drammatico2006
Sylvain Runberg, ChristopherCompagni d'appartamentodrammatico2011
Antonio Serra, Gianmauro Cozzi, AA.VV.Greystormavventura2010
autoretitologenereanno
AA.VV., Franca Casamassima, Bettina Corvini, Nerina Milletti, Elsa Lusso, Gigi Malaroda, Jole Baldaro Verde, Valentina ManziniIdentità omosessuale, L'miscellanea1996
Marco LanzòlCuore dei ragazzi, Ilracconti1994
Mattia MorrettaChe colpa abbiamo noisaggio2013
Franco ZeffirelliAutobiografiabiografia2006

Le recensioni più lette di questi giorni

  1. 3

  2. 4

    Isabella (fumetto, 1966)

    di

  3. 5

    Sukia (fumetto, 1978)

    di

  4. 8

    Lady Oscar (serie tv, 1979)

    di

  5. 10