Un bacio

8 agosto 2013

Cotroneo ricostruisce un omicidio determinato dall'omofobia, servendosi delle voci narranti della vittima, del suo assassino e compagno di classe, e della loro insegnante d'italiano: l'ambiente è quello d'uno squallido paesino della Campania, frutto dell'urbanesimo sconsiderato che ha deturpato i nostri paesaggi; ma potrebbe trattarsi di qualsiasi punto della provincia italiana.
Le voci si distinguono con nettezza per scelta di lessico, sintassi e registro: l'italiano del ragazo gay adottato da una coppia del paese, Lorenzo, è gracile ma quasi corretto, con qualche lieve solecismo nell'uso dei congiuntivi; quello della professoressa è letterario, qua e là tortuoso, ad inseguire i rovelli d'una donna colta che sogna fuga e vita di coppia con una sua ex-alunna precocemente sfiorita dopo le nozze con un uomo manesco e il trasferimento a Milano; la lingua di Antonio, l'assassino, con ogni probabilità un gay represso già condizionato a sedici anni dalla violenza cieca e ignorante che trasuda in famiglia e nel branco degli amici, nonostante la scuola si presenta piena d'influssi dialettali: e ritengo che in tale italiano povero e sfigurato, dalla cui scorza faticano ad erompere pensieri non già pensati da qualcun altro, l'autore abbia inteso rappresentare in fogge narrative la condizione d'un adolescente già del tutto forgiato entro i canoni del suo ambiente di provenienza, cui ormai neppure l'istruzione stessa riesce a far respirare aria fresca, nuova e diversa.
Se questa polifonia, in cui scorgo, tra l'altro, un'influenza di Michael Cunningham, di cui Cotroneo è infatti traduttore, e l'accorta struttura in virtù della quale l'omicidio e il bacio arrivano proprio di sprpresa e al momento giusto, possono dare l'idea d'uno scritto ad effetto, non mi sembra che però le preoccupazioni costruttive ed esteriori prevalgano, e trovo che questo bel racconto tripartito sappia sinceramente catturare e commuovere il lettore. Per il mio gusto, ad ogni modo, forse la prima parte è la più efficace nell'autoritratto d'un reine Tor che non riesce e non vuole nascondere il proprio desiderio, che, pur in mezzo ad un mondo nemico, sa manifestare anzi con una toccante, disarmante naturalezza.
La riproduzione di questo testo è vietata senza la previa approvazione dell'autore.

Altre recensioni per Un bacio

titoloautorevotodata
Un bacioMarco Valchera
06/10/2014

Potrebbe interessarti anche…

autoretitologenereanno
Matteo Bianchi, Ivan Cotroneo, Mario Fortunato, Walter Siti, Valeria Viganò, AA.VV.Cinque semplici respiriracconti2011
Ivan CotroneoCronaca di un disamoreromanzo2005
Ivan CotroneoRe del mondo, Ilromanzo2003
Francesco Gnerre, Gian Pietro LeonardiNoi e gli altrimiscellanea2007
titoloartistaanno
Hurts (Remix)Mika2016

Le recensioni più lette di questi giorni

  1. 1

  2. 4

    Relax (videoclip , 1983)

    di

  3. 6

    Vogue (videoclip , 1990)

    di

  4. 10

    Boys Love (film , 2006)

    di