Passion

22 novembre 2007, "Aut", n. 95, novembre 2007

Cinemini porno circondati da un'aura sacrale, dove una fauna maschile di fedeli fa umilmente la fila per spartirsi il Corpo omosessuale e potersi "avventurare nella vita con ritrovata pace".

Strade discoteche cessi stazioni spiagge; rabbia tenerezza violenza abbandono poesia.

Stratigrafia di tipologie umane, emozioni gridate, ineffabili gelidi silenzi.

L'io protagonista, infettato dall'hiv, si inabissa nel profondo della follia, si vendica ricercando nei partner occasionali una "fratellanza di sangue".

Desiderio ubriaco che annebbia la vista e arroventa le viscere; paura che deflagra per poi disperdersi nel segreto dei sogni. Uno stile allucinatorio che richiama la visceralità di Troie di Cooper, la lancinante scrittura di Hervé Guibert, le siderali solitudini di Shortbus.

La riproduzione di questo testo è vietata senza la previa approvazione dell'autore.

Altre recensioni per Passion

titoloautorevotodata
PassionFabio Casadei Turroni
18/02/2009

Potrebbe interessarti anche…

autoretitologenereanno
Brane MozeticStoria perdutaromanzo2010

Le recensioni più lette di questi giorni

  1. 4

    Isabella (fumetto, 1966)

    di

  2. 6

    Sukia (fumetto, 1978)

    di

  3. 9

  4. 10

    Lady Oscar (serie tv, 1979)

    di