Neve e sangue

22 novembre 2007, "Aut", n. 91, giugno 2007


Luca, un poeta "stufo di essere un eroe della parola", desideroso di divenire "un nulla risucchiato nella agognata immensità della notte", viene avvinto dal corpo di Gabriele, simile a "un albero nodoso, con rami lussureggianti".

Il complicato viaggio dell'amore - come "un'eruzione di lava in inverno" - non dovrebbe concludersi in un'unica estasi: invece tra loro, dopo uno scambio di lettere, cala, inaspettato, il gelo.

Un angelo rimorchiato in chat rivelerà il perché di quell' improvviso silenzio, provocando lo scioglimento di questo "dramma in versi".



La riproduzione di questo testo è vietata senza la previa approvazione dell'autore.

Altre recensioni per Neve e sangue

titoloautorevotodata
Già simile a l'estinto il vivo langueMauro Fratta
09/02/2013

Potrebbe interessarti anche…

autoretitologenereanno
Luca BaldoniParole tra gli uomini, Lepoesia2012
Maurizio GregoriniMale di Dario Bellezza, Ilsaggio2006
Maurizio GregoriniMorte di Bellezzabiografia1997
Maurizio GregoriniOdore del nulla o l'eresia del Cristo scomposto, l'saggio2011

Le recensioni più lette di questi giorni

  1. 5

    Isabella (fumetto, 1966)

    di

  2. 6

    Sukia (fumetto, 1978)

    di

  3. 7

    Lady Oscar (serie tv, 1979)

    di

  4. 10