I misfatti del buon dio

3 marzo 2008, AUT, n. 96, dicembre 2007

Come orientarsi tra i mille mutamenti della vita e un destino che ti strappa le persone che ami di più al mondo?

Come rispondere al bisogno che ha ogni essere di sentirsi, di tanto in tanto, sfiorare?

Paolo è impegnato in una casa che ospita ragazzini down, ma svolge anche volontariato tra i malati di Aids.

La sindrome ha falciato anche il suo compagno: ha dovuto registrarne impotente la tristezza nel congedarsi dal mondo con la rabbia che divora come l'ottuso virus dell'hiv.

Quella perdita si è trasformata in un dolore vitale che gli aggroviglia lo stomaco e che fatica a comprimere. Ma la sofferenza che pareva insormontabile, col tempo si stempera fino a dileguarsi, magari trovando un'ancora di salvezza nello stordimento della carne perché "quando s'afferra un cazzo si è certi di non stringere un'illusione".

Anche se nei passaggi chiave dell' esistenza "siamo soli e intorno a noi regna un silenzio assordante", il nuovo amore Gabriele, il piccolo Tommaso, la trans Soraya spingeranno il protagonista a rimettersi in gioco.

La riproduzione di questo testo è vietata senza la previa approvazione dell'autore.

Altre recensioni per Misfatti del buon dio, I

titoloautorevotodata
I misfatti del buon dioFrancesco Gnerre
03/03/2008

Potrebbe interessarti anche…

autoretitologenereanno
Fiorenzo Lancini, Paolo SangalliGaia musa, Lasaggio1981

Le recensioni più lette di questi giorni

  1. 3

    Accendimi di desiderio (libro, 2004)

    di Vari

  2. 4

    Sukia (fumetto, 1978)

    di

  3. 5

    Relax (videoclip, 1983)

    di

  4. 6

    Gay Porn (libro, 2002)

    di

  5. 7

    Altri libertini (libro, 1980)

    di

  6. 8

  7. 10

    Vogue (videoclip, 1990)

    di