Capri pagana

4 marzo 2008, Aut n. 97, gennaio 2008, p. 44

Un viaggio onirico e visionario, "umano, troppo umano", in uno dei paradisi naturali/artificiali su cui hanno affabulato scrittori, storici delle mentalità, esteti e outsider delle più svariate provenienze ed identità culturali.

L'autore ricostruisce il coloratissimo mosaico dei destini di uomini e donne attratti e suggestionati, con la promessa di trasgressione e deragliamento dei sensi/sessi, dalla magnetica Capri: isola sospesa "tra mare e cielo, tra occidente e oriente, tra paganesimo e cristianesimo, tra luce e ombra, tra realtà e fantasia", tra l'Ermafrodito (Savinio è il nume tutelare di questa sapiente ricognizione) e l'Androgino. Sfilano tutti i personaggi che, in questa terra promessa del Mediterraneo, microcosmo di liberazione omosessuale, si illusero o riuscirono a ricostruirsi una vita, lontano dal conformismo delle classi di appartenenza: von Platen, Gide, Wilde, Fersen, Krupp, Norman Douglas...

Il testo, stampato con la proverbiale cura dalla raffinatissima casa caprese, include foto dei luoghi e dei protagonisti. Gargano ci ha già regalato "Ernesto e gli altri. L'omosessualità nella narrativa italiana del Novecento" (Editori Riuniti, 2002).

La riproduzione di questo testo è vietata senza la previa approvazione dell'autore.

Altre recensioni per Capri Pagana

titoloautorevotodata
Capri PaganaEnrico Oliari04/09/2007

Potrebbe interessarti anche…

autoretitologenereanno
Claudio GarganoErnesto e gli altrisaggio2002

Le recensioni più lette di questi giorni

  1. 4

    Isabella (fumetto, 1966)

    di

  2. 6

    Sukia (fumetto, 1978)

    di

  3. 9

  4. 10

    Lady Oscar (serie tv, 1979)

    di