Saturday Night at the Baths

4 novembre 2008

Dopo Stonewall l'esplosione dei film gay, sebbene non paragonabile a quella che ha invaso i mercati negli ultimi vent'anni, ha prodotto un po' di tutto, compresi molti film a basso o bassissimo costo che in virtù della loro relativa indipendenza hanno potuto esplorare in modi nuovi e con maggiore sforzo di realismo molti aspetti prima ignorati dal cinema ufficiale. Alcuni di questi film risultano piuttosto singolari, anche perché non è sempre chiaro cosa avessero in mente i loro autori. È il caso di questo Saturday Night at the Baths, opera girata in economia, fino alla rozzezza, e senza fronzoli di sceneggiatura, fino al semidocumentarismo (si vedano le scene dello spettacolo alla sauna). La vicenda ruota intorno a un bisessuale che, trovandosi a lavorare in una sauna gay come pianista, viene immediatamente sottoposto alle attenzioni del giovane amministratore del locale. Si tira avanti fino alla fine a forza di incertezze, verso un ménage à trois che non si concretizza. In altre parole, non succede nulla.

La riproduzione di questo testo è vietata senza la previa approvazione dell'autore.

Potrebbe interessarti anche…

autoretitologenereanno
AA.VV.Gay roots 2miscellanea1993
AA.VV.Men on Men 2racconti2003
AA.VV.Men on men 3racconti2004
Renaud CamusTricksromanzo2012
Copi (pseud. Raul Damonte-Taborda)Ballo delle checche, Ilromanzo1996
Mattia MorrettaChe colpa abbiamo noisaggio2013
Diego SpanòSauna al sudromanzo1997

Le recensioni più lette di questi giorni

  1. 1

    Isabella (fumetto, 1966)

    di

  2. 3

    Sukia (fumetto, 1978)

    di

  3. 5

    Relax (videoclip, 1983)

    di

  4. 6

    Altri libertini (libro, 1980)

    di

  5. 7

  6. 8

  7. 10

    UnHung Hero (film, 2013)

    di