Scomparso - Un detective gay per un giallo sicuramente "diverso"

Questo delizioso romanzo "giallo" del 1970 (ambientato nel 1967, ovvero prima dei moti di Stonewall) è stato scritto da uno degli autori statunitensi che con maggior forza hanno posto la questione della presenza gay nella letteratura, non solo facendo coming out, ma insistendo nel proporre personaggi e situazioni gay in àmbiti (come il giallo, per l'appunto) che fino a quel momento avevano ottusamente e fanaticamente censurato il tema.

In un'epoca in cui negli Usa (in Italia, no!) il personaggio gay è diventata una specie di spezia piccante da aggiungere a questa o quella serie televisiva, è difficile provare ancora la sorpresa e in alcuni casi lo shock che devono avere provato i lettori a cui era originariamente destinato questo romanzo.
A iniziare dal fatto che il protagonista stesso, il detective Dave Brandstetter, è gay. La rivelazione non arriva subito, ma a romanzo avanzato, allo scopo di creare un "colpo di scena" che certamente nel 1970 doveva suonare come un colpo di grancassa.

Dave è un po' oltre la quarantina ed è "vedovo" dopo che un tumore (no, l'Aids non era ancora stato scoperto!) gli ha appena rapito il compagno della sua vita. Dunque, le vicende che affronta, il modo di relazionarsi dei personaggi, aprono ferite appena rimarginate in lui, e Hansen non le nasconde, parlandone come se ne era sempre parlato per qualsiasi protagonista eterosessuale.
La sua "scandalosa" rivoluzione letteraria era tutta qui: nel trattare i personaggi omosessuali esattamente come tutti gli altri. Avendo questa benemerita generazione di scrittori ottenuto ciò per cui aveva combattuto, il valore rivoluzionario di tale iniziativa oggi ci arriva attenuato, dopodiché il piatto stesso, il romanzo, è sufficientemente gustoso da "reggere" perfettamente anche se dopo così tanti anni l'ingrediente gay non sembrerà più "piccante" a nessuno di noi lettori del XXI secolo.


=======


Tanto per rendere chiaro il punto, non è solo il protagonista, ad essere gay. Purtroppo però, dato che il thriller si regge sulla progressiva scoperta di chi altri fosse gay, tra i personaggi che affollano la scena, non mi è possibile entrare in maggiore dettaglio senza rovinare il gusto della lettura.
Posso segnalare unicamente Madge, amica intima del protagonista e lesbica dedita agli innamoramenti seriali (e catastrofici) con donne nettamente più giovani di lei, che deve sorbirsi il garbato rimprovero del "coppiaiolo" Dave affinché si cerchi una donna della sua età, se desidera una maggiore stabilità di rapporto.
Hansen si diverte a farla entrare all'improvviso in casa di Brandstetter dopo che costui è stato appena sedotto da un diciottenne che lo aveva concupito fin da ragazzino, e che nella scomparsa del partner del protagonista ha ricevuto l'implicito "nulla osta" per proporsi a lui. Respinto proprio perché troppo giovane, alla fine vedrà premiata la sua costanza... giusto in tempo per far incazzare Madge, che voleva presentare la sua nuova partner -- coetanea! L'amica se ne va dicendo più o meno: "Da che pulpito veniva la predica!".

Come si vede, Hansen si diverte coi suoi personaggi, e sfugge gli stereotipi: tanto quello del gay criminale psicopatico che prevaleva nei "gialli" all'epoca, quanto quello "buonista" ed apologetico del gay perfettino, che letterariamente avrebbe guastato il libro, facendolo "invecchiare" nel giro di pochi anni.
Invece il libro invecchiato non è, come dimostra il fatto che l'industria editoriale italiana dopo ben 42 anni s'è decisa a tradurlo... Un segnale, questo, dell'arretratezza del mondo degli editori italiani, che vivono ancora nella mentalità e nella visione del mondo degli anni Sessanta.
Faccio questa affermazione a ragion veduta, dato che questo romanzo rivela un testo fresco, ben costruito, leggibilissimo e gradevole, niente affatto invecchiato in tutti questi decenni. A cos'altro dobbiamo, quindi, il bando, se non proprio alla scelta "scandalosa" di mettere in scena un detective gay e "coppiaiolo" che si muove in un mondo in cui esistono anche i gay?


===========


Giudizio conclusivo.
Una lettura raccomandata sia a chi ama il genere del "giallo" sia, sorprendentemente, anche a chi, come me, è sempre rimasto freddo verso questo genere letterario.
A me, infatti, è piaciuto. Boh...

La riproduzione di questo testo è vietata senza la previa approvazione dell'autore.

Altre recensioni per Scomparso

titoloautorevotodata
ScomparsoCristina Di Bonaventura
07/05/2012
Il giallo ritrovato. ''Scomparso'', di Joseph Hansen (1970)Francesco Gnerre
05/05/2012

Potrebbe interessarti anche…

autoretitologenereanno
Joseph HansenOmicidio a tempo di rockromanzo1993
Joseph HansenPartita con la morteromanzo1992
Joseph HansenRagazza del Sunset strip, Laromanzo1981
Joseph HansenSilenzio di piomboromanzo1989
Joseph HansenTestimone nell'ombraromanzo1989
Joseph HansenViolenza nella notteromanzo1986

Le recensioni più lette di questi giorni

  1. 2

    Isabella (fumetto, 1966)

    di

  2. 7

    Sukia (fumetto, 1978)

    di

  3. 8

  4. 9

    Lady Oscar (serie tv, 1979)

    di