Boogie Nights - L'altra Hollywood

6 settembre 2004

La storia certo è di quelle che il cinema non racconta tutti i giorni, e il suo successo non indifferente il film l'ha meritato. Tuttavia la regia è troppo vincolata ai suoi maestri di riferimento, più o meno esibiti (si comincia con una sequenza elaboratissima alla Scorsese - viene dritta da Quei bravi ragazzi - , ma poi si continua con Altman). Tanto che chi conosce Altman capisce da subito che il povero operatore finirà con l'uccidere la moglie (rovinandosi quello che avrebbe dovuto essere il colpo di scena più emozionante del film nonché l'apice del climax della prima parte dedicata all'ascesa degli anni '70). Al regista va comunque riconosciuto il merito di saper condurre con mano quasi sempre leggera e coinvolgente (anche se talora un po' troppo esibita) un film molto lungo (troppo).

Marky Mark (pardon, Mark Walhberg: lui ci tiene che non lo si chiami più con il nome d'arte di quando indossava le mutande di Calvin Klein) come adolescente non è il massimo, e attraversa vent'anni senza mutare un capello, ma in compenso gli attori di contorno conoscono il loro mestiere.

Il film è ispirato alla biografia di John Holmes, una delle più note star del porno, che nella sua carriera non ha disdegnato anche film gay, dei quali però non c'è traccia in Boogie Nights. Nulla intacca l'eterosessualità del protagonista, né l'approccio maldestro ed estremamente patetico del tecnico del suono, né il pestaggio da parte di una squadra di ragazzacci omofobi, che lo prendono per gay e lo assalgono una notte in un parcheggio isolato (ma lui è solo tornato alla sua originaria fonte di guadagno - farlo vedere e masturbarsi per venti dollari - e la scena serve solo a far capire che ha toccato il fondo, o quasi). Tornare a fare porno rappresenterà allora una nuova rinascita, benché complessivamente il mondo della pornografia sia rappresentato, con un realismo venato di malcelato moralismo, come un universo popolato da gente equivoca, drogati, ninfomani, casi da manicomio, produttori pedofili, donnine infantili e, quando va bene, talenti frustrati, al quale sembra si possa sopravvivere solo mantenendo il distacco di Jack Horner, il regista interpretato da Burt Reynolds, e dal quale sembra quasi impossibile uscire.

La riproduzione di questo testo è vietata senza la previa approvazione dell'autore.

Potrebbe interessarti anche…

nomeprofessioneautoreanni
Jean Daniel Cadinotregista, fotografoMauro Giori1944 - 2008
titoloautoredata
Il regista a nudo
Incontro con Jean-Daniel Cadinot
Giovanni Dall'Orto21/10/2004
Un ragazzo molto Colt
Intervista a Carlo Masi
Giulio Maria Corbelli02/06/2005
autoretitologenereanno
AA.VV.Men on Men 2racconti2003
AA.VV.More Dirty Lookssaggio2004
AA.VV.Out in Culturesaggio1995
Giorgio BassaniOcchiali d'oro, Gliromanzo2005
Alan P. Bell, Martin S. WeinbergHomosexualitiessaggio1978
Gian Piero BonaPantaloni d'oro, Iromanzo1969
Ray BradburyMolto dopo mezzanote [traduzione integrale]racconti1979
Ray BradburyMolto dopo mezzanotte [traduzione parziale]racconti1977
John R. BurgerOne-handed Historiessaggio1995
Enrico Camanni, Mirta Da Pra PocchiesaUltimo messaggio, L'saggio1995
Tutti i risultati (27 libri) »
titoloautoredata
L'omosessualità nel cinema pornografico degli anni '20Mauro Giori31/01/2005
titoloanno
In Treatment2008

Le recensioni più lette di questi giorni

  1. 1

  2. 5

    Relax (videoclip , 1983)

    di

  3. 8

  4. 9

    Dune (libro , 1984)

    di

  5. 10

    Spatriati (libro , 2021)

    di