Cuori in Affitto

16 aprile 2005, Pride n° 47, maggio 2003

Enrico ama Matteo, che ama Francesca. Veronica amava Matteo, vorrebbe amare Enrico - se lui non fosse gay - ma si fidanzerà con Davide.

Jacopo ama Enrico; Enrico sta con Jacopo, ma vorrebbe stare con Matteo…

Le “nuove geometrie dell’attrazione” raccontate dallo sceneggiatore bolognese Massimiliano De Giovanni (vedi intervista su Pride n. 31 del gennaio 2002) si declinano in numero di tre. Tre come i protagonisti Enrico, Matteo e Veronica, studenti venticinquenni del DAMS nella Bologna dei nostri giorni, e dei loro amici, fidanzati, compagni d’appartamento: storie quotidiane tra chiassose feste in casa, lezioni saltate per far shopping, baruffe coi genitori, confidenze, dissertazioni esistenziali ed equivoci incroci di coppia.

Tre come i volumi che raccolgono le vicende già comparse sulla bella rivista Mondo Naif: con Cuori in affitto si conclude la trilogia iniziata nel ’98 con Gente di notte e proseguita nel 2000 con Pazzo di te.

Tre romanzi a fumetti per raccontare l’incontro, la conoscenza reciproca e lo smascheramento sentimentale di Enrico e Matteo. Il primo è gay, il secondo… parecchio confuso!

De Giovanni non tratteggia i soliti personaggi gay improbabili della maggior parte dei fumetti, al limite della macchietta o dello stereotipo: scordatevi, ad esempio, certe astrazioni da shoonen ai (amori maschili) o gli incerti bozzetti di alcune storie bonelliane di Dylan Dog o Nathan Never.

La trilogia, e soprattutto quest’ultimo libro, sono piuttosto un riuscito tentativo di avvicinarsi pudicamente alle contraddizioni e ai tentennamenti della vita di tutti i giorni, dove i sentimenti non seguono percorsi lineari, ma sbandano e deragliano in balia degli incontri, delle passioni, degli opportunismi, delle paure.

Cuori in affitto non è un fumetto gay, ma parla di gay coi quali non è difficile identificarsi, anche con fastidio, a volte. Come quando Enrico respinge gli approcci di Veronica, ma non le dice il motivo del suo atteggiamento, o nella sostanziale ambiguità del suo rapporto d’amicizia con Matteo, di cui è innamorato e dal quale sembra non poter essere corrisposto, rifugiandosi in una insipida relazione con Jacopo. Sembra, appunto: in questo libro seguiremo l’evoluzione della loro travagliata storia, che culminerà, nella sequenza finale, in un gustoso colpo di scena…

Lo stile del racconto è secco, spigliato, senza paternalismi da fumetto nazional-popolare, quelli dove il pubblico viene guidato per mano attraverso le vicende con didascalie e spiegazioni dell’ovvio.

Il lettore di riferimento di De Giovanni ed Accardi (talentuoso disegnatore della trilogia) è maturo, probabilmente coetaneo dei loro personaggi, avvezzo ai codici moderni del fumetto, consapevole della stimolante potenzialità delle ellissi narrative.

I due autori non dimenticano le strizzate d’occhio alle mode giovanili (tatuaggi, piercing, locali di tendenza), ai dischi, ai film, ai romanzi più amati: non solo un furbo espediente per accattivarsi la simpatia del lettore, quanto, piuttosto, un insieme di codici di riconoscimento che aiutano a rendere vivi Matteo, Enrico e le altre creature di carta.

Il disegno di Andrea Accardi, poi, è sorprendente, e migliora di volume in volume: in quest’ultimo, tra l’altro, sfoggia un’efficace mezzatinta grigia, che facilita la lettura e ammanta gli scenari di delicate e poetiche ombreggiature. È una piacevole sintesi di suggestioni manga e certo underground americano, anche se ormai fa genere a sé.

È la nuova via del fumetto d’autore italiano, cominciata a tracciare da ormai una decina d’anni proprio dalla fucina degli artefici di Mondo Naif (Camagni, Gabos, Palumbo, Toffolo,Vinci…).

La copertina, infine: degna vetrina dei contenuti del libro a fumetti, finalmente trova il coraggio di presentare, con gusto e delicatezza, una coppia di ragazzi in tenero atteggiamento: che qualcosa, anche, nel mondo del fumetto, stia cominciando a cambiare?


La riproduzione di questo testo è vietata senza la previa approvazione dell'autore.

Altre recensioni per Cuori in affitto

titoloautorevotodata
Cuori in affittoGiovanni Dall'Orto
06/02/2005

Potrebbe interessarti anche…

autoretitologenereanno
Massimiliano De Giovanni, Andrea AccardiGente di nottedrammatico1998
Massimiliano De Giovanni, Andrea AccardiMatteo e Enricodrammatico2007
Massimiliano De Giovanni, Andrea AccardiPazzo di tedrammatico2000
Massimiliano De Giovanni, Giulio MacaioneInnamorarsi a Milanodrammatico2010
Massimiliano De Giovanni, Giulio MacaioneThe fag hagdrammatico2008
Filippo ScòzzariFango e ossigenofantascienza1988
autoretitologenereanno
AA.VV.Guida agli archivi lesbiciguida1991
AA.VV., Stefano Casi, Sandro Avanzo, Andrea Adriatico, Gabriele Carleschi, Stefano Casagrande, Alessandro Fullin, Rinaldo LuchiniTeatro in deliriomiscellanea1989
AA.VV., Asher Colombo, Marie-Ange Schiltz, John de Wit, Luca Pietrantoni, Massimiliano Sommantico, Hans SchadeePolissaggio1999
AA.VV., George Rousseau, Harriette Andreadis, Winfried Schleiner, Allison Kavey, H. Darrel Rutkin, P. G. Maxwell-Stuart, Kevin Siena, Cristian Berco, Faith Wallis, Derek Neal, Kenneth BorrisThe sciences of homosexuality in early modern Europemiscellanea2008
Luther BlissetLasciate che i bimbisaggio1997
Cesarina CasanovaCrimini nascostisaggio2007
Marco GanzettoCome un pugno di farinaromanzo2004
Franco Grillini, Laura MaragnaniEcce omobiografia2008
MIT, Agedo, Arcigay, Arcilesbica, Famiglie ArcobalenoGuida ai diritti delle persone lgbtsaggio2011
Enrico OliariOmo delinquente, L'saggio2006
Tutti i risultati (19 libri) »
titoloartistaanno
LosersHard Ton2008