Carne e sangue [1995]

19 aprile 2005, Babilonia, febbraio 2001

Nel 1935 Constantine Stassos ha otto anni e lo vediamo, in un villaggio della Grecia, arrancare eroicamente sul suo metro quadrato di orto per un declivio roccioso, convinto che riuscirà, con la sua determinazione, il suo lavoro e la sua forza di volontà, a farlo fruttificare.

Nei decenni successivi lo troviamo in America dove con la stessa caparbietà riesce a coronare il suo sogno, costruire la sua famglia "americana", una moglie, tre figli, una bella casa, simbolo concreto del suo successo.

Ma presto tutta l'impalcatura costruita con la fatica e col dolore, comincia a scricchiolare e Constantine deve fare i conti con un equilibrio sempre più precario e con la paura che da un momento all'altro tutto può crollare: c'è sempre un prezzo da pagare per questo tipo di esistenza ordinata e spesso si tratta di un prezzo veramente troppo alto.

Il narratore accompagna per un arco di tempo di cento anni i componenti di questa famiglia "ordinaria", tutti personaggi di straordinaria autenticità: Mary, la moglie di Constantine, con le sue insoddisfazioni che assumono forme sempre più inquietanti; Susan, la figlia maggiore, forse la più infelice, consacrata al dovere, ma depositaria di indicibili segreti; Billy, il figlio gay, in una disperata guerra senza esclusione di colpi col padre; Zoe, la figlia ribelle, votata alla dissipazione e alla morte.

E poi i nipoti, Ben e Jamal, due adolescenti troppo presto alle prese con i drammi della propria identità e con le tragedie dell'esistenza.

Scritto nel 1995, prima di Le ore, il romanzo con cui nel 1999 Cunninhgam ha vinto il premio Pulitzer, meno sofisticato nella struttura narrativa, più lineare e tradizionale, Carne e sangue è anche più trascinante, più immediatamente coinvolgente e, se queste espressioni hanno un senso per un testo letterario, più politico e militante.

Nel raccontare questa grande saga familiare il narratore a volte è come un antropologo che registra i riti di una cultura prossima a crollare sotto il peso della propria storia, più spesso partecipa dall'interno alle esperienze di chi prova disperatamente a ridefinire il senso dei rapporti familiari e delle relazioni personali.

E questo avviene soprattutto con i personaggi di Zoe e di Billy, la prima, dolce e malinconica vittima dell'Aids; il secondo, sofferente di ferite e fierezze, simbolo di un faticoso ma alla fine vincente percorso gay, che riesce, con la stessa ostinazione del padre, ma con ben altra consapevolezza, a dare un senso alla sua vita.

E non è un caso che l'ultimo breve capitolo del romanzo, proiettato in un utopico 2035, sia tutto costruito sul ricordo di Billy e del suo compagno.

Un romanzo bello e appassionante, che affascina con la misteriosa forza della scrittura e quando si arriva all'ultima pagina, un po' storditi e forse con gli occhi un po' lucidi, viene da pensare che a volte niente come la letteratura riesce a illuminare con tanta intensità le contraddizioni della vita.

La riproduzione di questo testo è vietata senza la previa approvazione dell'autore.

Altre recensioni per Carne e sangue

titoloautorevotodata
Carne e sangueMarco Valchera
23/11/2013

Potrebbe interessarti anche…

titolointerpreteanno
My Brother Is Gay Vandals, the 2002
autoretitologenereanno
Copi (pseud. Raul Damonte-Taborda)Fantastico mondo dei gay, Ilcomico1987
JuanolOCi piacciamo!fiaba2007
Ralf KönigRoy & Alcomico2006
Maureen ListenQuesto terzo sesso che non è un sessocomico1995
Francescsa Pardi, Desideria GuicciardiniQual è il segreto di papà?fiaba2011
Eva VillaAyakurashōnen'ai2000
titoloautoredata
Giorni memorabili
Intervista a Michael Cunningham
Francesco Gnerre12/03/2006
autoretitologenereanno
AA.VV.Belli & perversiracconti1987
AA.VV.E l'ultima chiuda la portamiscellanea1996
AA.VV.Fuori dalla città invisibilesaggio2003
AA.VV.Politica del corpo, Lasaggio1976
AA.VV., Stefano Rodotà, Mario Pollo, Giacomo Rossi, Domenico Pezzini, Marcello Matté, Paola Dall'OrtoOmosessualitàmiscellanea1993
Raffaella Ammirati, Federica IannettiSenza Pacssaggio2006
Georges Apitzsch, Philippe ArtièresLettres d'un inverti allemand au docteur Alexandre Lacassagneepistolario2006
Association ContactNostri figli omosesessuali..., Imiscellanea2007
Ursula BarzaghiSenza vergognabiografia1998
Manfred Baumgardt100 Jahre Schwulenbewegungmiscellanea1997
Tutti i risultati (81 libri) »
titoloautoredata
L'Institut für Sexualwissenschaft di Berlino (1919-1933).
Il primo "centro per l'omosessualità" della storia umana.
Vari14/04/2006
Un museo unico
Visita al museo di storia gay di Berlino
Stefano Bolognini05/03/2007
titoloanno
Grey's Anatomy2005
The Fosters2013
titoloartistaanno
Smalltown boyJimmi Somerville, Steve Bronski, Larry Steinbachek1984
So gay?Michael Vaughn, Chris Tanner2007

Le recensioni più lette di questi giorni

  1. 1

  2. 5

    Relax (videoclip , 1983)

    di

  3. 8

    Spatriati (libro , 2021)

    di

  4. 9

  5. 10

    Boys Love (film , 2006)

    di