L'uomo di cenere

8 maggio 2005, "A qualcuno piace gay" (La libreria di Babilonia, 1995)

E' un film fondamentale, anche se non facile, per la dignità ed il coraggio, inusuale nel cinema maghrebino, con cui affronta l'omosessualità.

Premiato in molti festival, il film suscitò moltissime controversie nel mondo arabo e riuscì a circolare solo con qualche taglio censorio. In effetti, il film attacca frontalmente le basi della società islamica (la cui fine è preconizzata nella scena in cui i padiglioni sono divelti dal vento) e mette a nudo cosa si nasconda spesso dietro l'uomo arabo forte e prepotente, quali repressioni ed angosce vivano in lui.

Il film contesta l'incoercibile patriarcato di quella cultura - in cui i due protagonisti non si riconoscono e di cui non vogliono perpetuare le stantie tradizioni - che ottunde la personalità dei figli e che relega le donne a supine comprimarie. Ma anche l'impossibilità di rifiutare i ruoli prefissati, quell'obbligatorio maschilismo senza il quale si è considerati inetti, "non uomini" (il bellissimo Hachemi è visto con sospetto per la sua pelle troppo bianca).

E' una società che respinge tutto ciò che può minarne le basi: l'omosessualità, innanzitutto, per quanto praticata da tutti, non foss'altro perché unica scappatoia contro una sessualità a compartimenti stagni.

Proprio nell'omosessualità si concretizza la ribellione dei due protagonisti, marchiati indelebilmente da un'esperienza traumatica ma che ha fatto acquisire loro quella diversa sensibilità che li oppone agli altri.

Non si sa se i due siano o no omosessuali (non ci sono scene esplicite di sesso, ma quella della masturbazione di Hachemi sul letto è memorabile) ma è facile pensarlo rivivendo i loro ricordi quando, ragazzi, il sesso non era violenza. Ed in ogni caso ad Hachemi - quello più roso da ciò che è "difficile a dirsi, più difficile a tacersi" - certo non piacciono le donne ed odia il maschilismo di parata (come l'identificazione dei baffi con la virilità).

Dal canto suo, Farfat è messo da tutti al bando da quando lo stupro è reso pubblico e lo stesso Ameur, che ha approfittato di lui, gli dice che non è un uomo. Così trova nella libertà la sua rivincita: sogna di diventare un uccello (Farfat vuole dire "farfalla") ed è un "uomo di cenere" che, anche quando sembra spenta, brucia chi la tocca.

La riproduzione di questo testo è vietata senza la previa approvazione dell'autore.

Potrebbe interessarti anche…

titolointerpreteanno
My Brother Is Gay Vandals, the 2002
autoretitologenereanno
Copi (pseud. Raul Damonte-Taborda)Fantastico mondo dei gay, Ilcomico1987
JuanolOCi piacciamo!fiaba2007
Ralf KönigRoy & Alcomico2006
Maureen ListenQuesto terzo sesso che non è un sessocomico1995
Francescsa Pardi, Desideria GuicciardiniQual è il segreto di papà?fiaba2011
Eva VillaAyakurashōnen'ai2000
autoretitologenereanno
AA. VV.Queering the Middle Agessaggio2001
AA.VV.Belli & perversiracconti1987
AA.VV.E l'ultima chiuda la portamiscellanea1996
AA.VV.Fuori dalla città invisibilesaggio2003
AA.VV.Gay rootsmiscellanea1991
AA.VV.Homoeroticism in Classical Arabic Literaturemiscellanea1997
AA.VV.Politica del corpo, Lasaggio1976
AA.VV.Queer Iberiamiscellanea1999
AA.VV., Stefano Rodotà, Mario Pollo, Giacomo Rossi, Domenico Pezzini, Marcello Matté, Paola Dall'OrtoOmosessualitàmiscellanea1993
Walter AltorfTurpi amori delle donne, Isaggio1907
Tutti i risultati (78 libri) »
titoloanno
Grey's Anatomy2005
The Fosters2013
titoloartistaanno
Smalltown boyJimmi Somerville, Steve Bronski, Larry Steinbachek1984
So gay?Michael Vaughn, Chris Tanner2007

Le recensioni più lette di questi giorni

  1. 3

  2. 4

    Relax (videoclip , 1983)

    di

  3. 10

    Il papa terribile (fumetto , 2014)

    di