Dimenticare Venezia

30 maggio 2005, "A qualcuno piace gay" (La libreria di Babilonia, 1995)

Candidato all'oscar, il film ebbe uno splendido successo di critica e di pubblico, nonostante si proponga denso di simboli. Elegante e raffinato, è pervaso da echi viscontiani e bergmaniani oltre che letterari, affini al decadentismo di Mann e Proust.

L'efficace titolo rimanda a Venezia, città cristallizzata nella storia e luogo mitico per eccellenza, ideale banco di prova per i protagonisti del film per verificare la validità dei propri valori ancestrali e quindi del proprio io, ancora pienamente intessuto di essi. Rinunciare al viaggio per Venezia, così come la morte di Marta, significa rompere definitivamente i ponti con il proprio passato, cercando finalmente, ammesso sia possibile, una realtà sradicata dalle seduzioni dell'infanzia e della giovinezza, dal sapore ad un tempo dolce ed ingannevole.

In questa frattura, che dà il coraggio a Nicky, Anna e Claudia di nuovi orizzonti, non pochi hanno visto il preludio all'abbandono dell'omosessualità. In questo essa assume evidentemente il valore di un rifiuto di crescere.

In realtà, la presenza di due coppie, peraltro così diverse (il maturo Nicky con l'esuberante e bel Picchio, l'estroversa Anna con la remissiva Claudia) ha creato in molti critici un evidente imbarazzo; l'omosessualità è stata perciò vista come il capro espiatorio di un storia che invece non è altro che la cronaca di un taglio netto, che costringe i personaggi a prendere atto che qualcosa è cambiato.

Nicky ed Anna, più legati a Marta e alla villa, sono i personaggi-fulcro, coloro che rivivono in cinque flashback le seduzioni di quella casa dove furono fanciulli e dove Nicky rimarrà solo, non certo però per rifiutare la sua omosessualità ma perché accetta compiutamente la propria senilità, come si vede nella scena della sfera di cristallo, quella con cui suo padre fingeva di leggere uno splendido futuro nelle festicciole di loro bambini, che si rompe definitivamente.

L'omosessualità, pur evidente e declamata, si inserisce nell'atmosfera affascinante e soffusa del film e non offre momenti di voluttà, a parte il nudo dell'atletico Picchio; e ciò nonostante essa è un dato fondamentale per lo sviluppo della storia.
La riproduzione di questo testo è vietata senza la previa approvazione dell'autore.

Altre recensioni per Dimenticare Venezia

titoloautorevotodata
Dimenticare "Dimenticare Venezia"Mauro Giori
14/10/2010
Dimenticare VeneziaMario Gardini31/10/2011

Potrebbe interessarti anche…

titolointerpreteanno
My Brother Is Gay Vandals, the 2002
autoretitologenereanno
Copi (pseud. Raul Damonte-Taborda)Fantastico mondo dei gay, Ilcomico1987
JuanolOCi piacciamo!fiaba2007
Ralf KönigRoy & Alcomico2006
Maureen ListenQuesto terzo sesso che non è un sessocomico1995
Francescsa Pardi, Desideria GuicciardiniQual è il segreto di papà?fiaba2011
Eva VillaAyakurashōnen'ai2000
autoretitologenereanno
AA.VV.Belli & perversiracconti1987
AA.VV.E l'ultima chiuda la portamiscellanea1996
AA.VV.Fuori dalla città invisibilesaggio2003
AA.VV.Politica del corpo, Lasaggio1976
AA.VV., Stefano Rodotà, Mario Pollo, Giacomo Rossi, Domenico Pezzini, Marcello Matté, Paola Dall'OrtoOmosessualitàmiscellanea1993
Raffaella Ammirati, Federica IannettiSenza Pacssaggio2006
Association ContactNostri figli omosesessuali..., Imiscellanea2007
Ursula BarzaghiSenza vergognabiografia1998
Chiara BertoneOmosessualità, Lesaggio2009
Francesca Lia BlockSegreto, Ilracconti1998
Tutti i risultati (52 libri) »
titoloanno
Grey's Anatomy2005
The Fosters2013
titoloartistaanno
Smalltown boyJimmi Somerville, Steve Bronski, Larry Steinbachek1984
So gay?Michael Vaughn, Chris Tanner2007

Le recensioni più lette di questi giorni

  1. 2

    Accendimi di desiderio (libro, 2004)

    di Vari

  2. 3

    Altri libertini (libro, 1980)

    di

  3. 4

    Spartacus (film, 1960)

    di

  4. 5