Patty Diphusa

6 agosto 2005

Questo volume raccoglie alcuni degli scritti di Pedro Almodovar risalenti agli anni '80 e già apparsi su varie riviste spagnole.


La parte più sostanziosa del libro riunisce insieme i capitoli di un potenziale romanzo incentrato sul personaggio di Patty Diphusa, una "pornostar di fama internazionale", che non dorme mai ed è perennemente alla ricerca di sesso nelle notti madrilene animate dalla movida (di cui Patty è rimasta uno dei personaggi simbolo). Da buona eroina almodovariana, Patty "non ha paura del PIACERE" (a un'ammiratrice che le confida di avere una figlia di cinque anni dice: "l'età giusta per cominciare").

Patty descrive in particolare alcune delle sue tragicomiche avventure sessuali, iniziando dal giorno in cui fu violentata: "venire violentata da due psicopatici è normale, ma che dopo mi abbiano abbandonata per terra"...: "ci sono situazioni in cui a noi donne non resta che diventare femministe".

Tra le altre imprese di Patty sono da annoverare la giornata in cui si fa un ragazzo gay e poi il suo fidanzato ("abbiamo fatto tutto quello che due persone con un po' di buonsenso e piene di vitalità possono fare in un metro quadrato di cesso") e una notte brava passata con il traduttore delle sue memorie, un giovane gay con cui va in discoteca a rimorchiare altri due ragazzi.

A Patty arriva anche una trasandata offerta cinematografica da parte dell'amica Addy Possa, che sta pensando a un film su un mondo diviso in due: da una parte solo uomini (gay), dall'altra solo donne (nane e lesbiche), e tra le due parti sta per scoppiare lo scontro finale. Ma i "pompinari" giocano sporco e "il più bello e meno frocio" di loro cerca di infiltrarsi tra le lesbiche per sabotarne i piani (ma James Bond gli rovinerà tutto).

Memorabile anche il ragazzino adolescente e bisessuale che Patty assume come segretario-amante, che deve fare i conti con una madre possessiva innamorata di lui che non si lamenta se va con i ragazzi, ma guai a vederlo con una ragazza, sicché deve raccontarle che Patty è un travestito. E Patty non gradisce: "se continua a chiamarmi travestito le farò inghiottire i biscottini senza masticarli. Migliaia di uomini si sono persi nella vastità della mia fica. Suo figlio con loro".

Chiude le avventure di Patty (nella prima edizione) una divertente e autoironica intervista della stessa Patty al suo creatore, Pedro Almodovar.


Di un certo interesse è il ritratto non sempre entusiasta del clima della Spagna post-franchista, dove la ricerca del piacere e la gioia di vivere stanno già mutando in semplice moda e calcolata forma di cultura:

che cosa sta accadendo in Spagna? Perché una ZOCCOLA come ME finisce con l'essere rispettata quanto la Regina Sofia e quasi più ammirata di lei? [...] Detesto creare mode [...]. I giochi smettono di esserlo quando diventano una manifestazione culturale.


Oltre alle imprese di Patty sono raccolti qui altri brevi racconti e alcuni saggi, sempre pieni di ironia, nei quali Almodovar parla del cinema che ama e dei propri film, dispensando consigli sarcastici (ma tutto sommato piuttosto realistici) a chi intenda intraprendere la carriera del regista.


Le ambizioni di scrittore di Almodovar non sono paragonabili a quelle dell'Almodovar regista, come egli stesso onestamente riconosce alla fine dell'introduzione: "non mi resta che chiedervi di leggere questo libro con la stessa assenza di pretese con cui venne scritto". E prese con la dovuta "assenza di pretese", queste pagine possono essere spassose e dirci allo stesso tempo qualcosa del loro autore, di cui filtra il carattere piuttosto schivo.

La riproduzione di questo testo è vietata senza la previa approvazione dell'autore.

Potrebbe interessarti anche…

autoretitologenereanno
Pedro AlmodóvarFuoco nelle viscereromanzo2002
Andrea BergaminiAmori grandi per grandi uominibiografia2000
Laura LaurenziLiberi di amaresaggio2007
Vincenzo PatanèCento classici del cinema gaysaggio2009
Frédéric StraussPedro Almodovarintervista2007
Colm TóibínAmore in un tempo oscurobiografia2003

Le recensioni più lette di questi giorni

  1. 3

    Relax (videoclip, 1983)

    di

  2. 4

  3. 5

    What/If (serie tv, 2019)

    di

  4. 6

    Sukia (fumetto, 1978)

    di

  5. 7

    Girlfriend (videoclip, 2013)

    di

  6. 8