Sessualità e lotta di classe [1968]. Un saggio sessantottino sulla libertà sessuale.

28 settembre 2005

Saggio teorico-filosofico sulla sessualità, figlio del periodo del "Sessantotto", allora in pieno svolgimento.

Benché ovviamente le teorizzazioni di Reiche parlino un linguaggio che oggi suona quasi alieno, conservano un loro interesse storico le pp. 166-175 (Omosessualità latente e "livellamento dei sessi"), nelle quali si discute d'omosessualità.

Reiche scrive prima della nascita del movimento di liberazione gay, ed esprime concetti che facevano parte dell'humus da cui esso nacque, apparentemente "dal nulla".
Oggi, nel tentativo di (rin)negare queste radici (giuste o sbagliate che fossero) viene propagandata la leggenda secondo cui il movimento gay sarebbe nato negli Usa, a Stonewall, una sera in cui le checche avevano le palle girate perché era morta un'attrice di cui erano fans sfegatati, e si sfogarono... picchiando i poliziotti.

È stato addirittura prodotto un film, dal titolo Stonewall, per sostenere tale bizzarra tesi "revisionista".

La verità, per quanto scomoda, è più semplice, e questo libro ce ne mostra il volto, restituendoci le teorizzazioni (magari pallosissime, ok) che erano già "nell'aria" fra i gay più giovani, erano "pensiero diffuso" e comune fra coloro che fondarono quel movimento.

Reiche (presidente di un'associazione studentesca marxista tedesca), mescolando Freud, Marx, Adorno e Fromm, sottolinea in queste pagine il carattere pervasivo dell'omosessualità: essa è insita in ogni individuo, in fase latente o meno (wow!).

Il tabù antiomosessuale è così forte nella nostra società, che l'omoerotismo latente può essere sfruttato a scopi repressivi (per esempio dalle dittature, che conoscono sempre ambigui rapporti fra il "duce" di turno ed i suoi seguaci) senza che coloro che ne sono vittime abbiano il coraggio di riconoscere la vera natura di questo rapporto (e ad essere sinceri, questa è una tesi da La personalità autoritaria di Adorno).

L'ideale, conclude Reiche, sarebbe una società in cui la bisessualità naturale di ogni persona avesse modo di esprimersi pienamente, facendo così scomparire le categorie umane distinte dell'"omosessuale" e dell'"eterosessuale".

La riproduzione di questo testo è vietata senza la previa approvazione dell'autore.

Potrebbe interessarti anche…

titolointerpreteanno
Girl Crush Little Big Town2014
autoretitologenereanno
Flavia BiondiBarba di perledrammatico2012
Luca de Santis, Sara Colaone, Giovanni Dall'OrtoIn Italia sono tutti maschistorico2008
Régis Loisel, Jean-Louis Tripp, Francois LapierreEmporio: "Marie"; "Serge"; "Gli uomini"drammatico2006
Michele Medda, Luca Casalanguida, Michele Benevento, Lorenzo De FeliciLukas n° 10 - "Alias"orrore2014
Alan Moore, David LloydV per Vendettafantascienza2006
autoretitologenereanno
AA.VV.E l'ultima chiuda la portamiscellanea1996
AA.VV.Gay gaysaggio1976
AA.VV.Giornata particolare di Ettore Scola, Unasaggio2003
AA.VV.Nel nome della razzasaggio2000
AA.VV.Politica del corpo, Lasaggio1976
AA.VV., Piers Anthony, R. Margroff, Andrew OffuttC'è sempre una guerraracconti1966
AA.VV., Nerina Milletti, Luisa Passerini, Elena Biagini, Alessandra Cenni, Nicoletta Poidimani, Gabriella Romano, Laura SchettiniFuori della normamiscellanea2007
AA.VV., Anna Riva, Franca Casamassima, Rino Pullano, Dario Petrosino, Stefano Casi, Alberto Bigagli, Roberto Barbabè, Giuseppe SolfriniOmosessualità fra identità e desiderio, L'miscellanea1992
Tatamkhulu AfrikaParadiso amaroromanzo2006
Dennis AltmanOmosessuale, oppressione e liberazionesaggio1974
Tutti i risultati (66 libri) »
titoloautoredata
Catania, 1939
Incontro con Pino, confinato politico omosessuale nel 1939
Franco Goretti19/10/2004
I luoghi di Pino, confinato politico omosessuale nel 1939Franco Goretti21/10/2004
«Scaruffati folletti»: frammenti di un discorso omoerotico in GaddaDaniele Cenci22/05/2007

Le recensioni più lette di questi giorni

  1. 2

    Isabella (fumetto, 1966)

    di

  2. 5

  3. 7

    Sukia (fumetto, 1978)

    di

  4. 9

    Lady Oscar (serie tv, 1979)

    di