Roy & Al [2004]. Il mondo gay visto da un cane.

18 giugno 2006

Questo libretto, più smilzo rispetto agli altri di Koenig (ma in compenso, interamente a colori), cerca di prendere di mira il solito mondo gay da una prospettiva un po' particolare: quella dell'isterico cagnolino "Al", eterosessuale e dalle pretese aristocratiche, disgustato dalle perversioni sessuali del suo padrone ("il tizio con l'apriscatole" o "la checca"). Il quale tiene Al solo perché è un ricordo della madre (peraltro cattolica e omofoba), che è morta.

Nella vita del padrone di Al arriva infine un amore, il quale porta con sé Roy, cagnone senza pedigree, tontolone e bonario, che invece non s'è mai posto il problema dell'immoralità dell'omosessualità, vive e lascia vivere e se la gode.

Koenig si diverte a mettere in conflitto Al con Roy e con le persone che frequentano il padrone (amanti, amici gay, amiche frociarole innamorate del padrone, checche fanatiche di Cher o parrucchiere), ma questa volta purtroppo non scatta il "clic". L'umorismo di Koenig è già di per sé paradossale, ed avere aggiunto qui il paradosso ulteriore di questo animale che giudica, commenta, parla e ragiona da perfetto piccoloborghese alla fine stiracchia eccessivamente la vicenda.
Che funziona nonostante tutto grazie al mestiere ormai collaudatissimo di Koenig, ma che non "decolla" mai. E soprattutto non coinvolge più di tanto il lettore gay, che non s'identifica certo nell'antipatico protagonista canino.

Né riesce ad alleggerire l'insieme l'uso di sberleffi dal gusto piuttosto scat e gore (la mamma morta che va in putrefazione prima che il cagnetto riesca ad attirare l'attenzione, varie funzioni corporali dei cani espletate un po' qui un po' là, un tentativo di far fare cuccioli ad Al che dovrebbe essere camp ma riesce solo ad essere lievemente disgustoso ecc.).

Insomma, Koenig è sempre Koenig, e questo libro è pur sempre meritevole di essere letto, purché però si sappia in anticipo che fra tutte le sue opere tradotte in italiano questa non è la migliore.

La riproduzione di questo testo è vietata senza la previa approvazione dell'autore.

Potrebbe interessarti anche…

titolointerpreteanno
My Brother Is Gay Vandals, the 2002
autoretitologenereanno
Copi (pseud. Raul Damonte-Taborda)Fantastico mondo dei gay, Ilcomico1987
Giuseppe FaddaHappy gayscomico1994
JuanolOCi piacciamo!fiaba2007
Ralf KönigCome coniglicomico2007
Ralf KönigCondom assassino, Ilcomico2000
Ralf KönigGenio per amorecomico2010
Ralf KönigKonrad & Paulcomico1994
Ralf KönigNuovi uomini, Icomico2009
Ralf KönigPalle di torocomico2005
Ralf KönigSi stenda, pregocomico2011
Tutti i risultati (18 fumetti) »
autoretitologenereanno
AA. VV.Sexual encounters / sexual collisions:bibliografia2007
AA.VV.Belli & perversiracconti1987
AA.VV.E l'ultima chiuda la portamiscellanea1996
AA.VV.Fuori dalla città invisibilesaggio2003
AA.VV.Politica del corpo, Lasaggio1976
AA.VV., Stefano Rodotà, Mario Pollo, Giacomo Rossi, Domenico Pezzini, Marcello Matté, Paola Dall'OrtoOmosessualitàmiscellanea1993
Raffaella Ammirati, Federica IannettiSenza Pacssaggio2006
AnonimoSins of the cities of the plain, Theromanzo2013
Alberto ArbasinoAnonimo Lombardo, L'romanzo1966
Alberto ArbasinoAnonimo Lombardo, L'. [Edizione riscritta]romanzo1973
Tutti i risultati (94 libri) »
titoloanno
Grey's Anatomy2005
The Fosters2013
titoloartistaanno
Smalltown boyJimmi Somerville, Steve Bronski, Larry Steinbachek1984
So gay?Michael Vaughn, Chris Tanner2007
VogueMadonna, Niki Haris, Donna DeLory1990

Le recensioni più lette di questi giorni

  1. 1

    Relax (videoclip, 1983)

    di

  2. 4

    What/If (serie tv, 2019)

    di

  3. 5

  4. 6

    Altri libertini (libro, 1980)

    di

  5. 7

  6. 9

    Sukia (fumetto, 1978)

    di

  7. 10

    Girlfriend (videoclip, 2013)

    di