Goditi il problema

27 settembre 2013

Il romanzo d’esordio di Sebastiano Mauri, regista e artista visivo, Goditi il problema, potrebbe essere perfettamente inquadrato attraverso le parole che incorniciano il titolo: “La commedia indiavolata di un single seriale a un passo dalla monogamia”. È, dunque, espresso fin da subito il tono che pervade l’intera opera: un’ironia tagliente, un comico assoluto, per dirla alla Baudelaire. Si ride spesso durante la lettura, per le divertenti considerazioni del protagonista (su tutte l’elenco dei finali tragici dei film a tematica omosessuale) e per le scene che lo vedono coinvolto, a partire dall’infanzia. Quella di Martino Sepe è una sorta di famiglia Addams milanese ancor più umanizzata e sprezzante dei valori tradizionali propri dei Bibì, i borghesi bigotti, novelli Babbani di potteriana memoria: ad esempio i tre fratelli che cenano insieme ad una scimmia indonesiana, Clarissa, che ruba il pollo dal piatto per strofinarselo addosso, o l’asilo a cui sono iscritti, in cui campeggia il poster di Janis Joplin e i maestri sono appartenenti alla cultura hippie. In questo ambiente libero e sui generis il bambino ha la possibilità di giocare con la sua bambola preferita, Barbie Malibu, ma, spaventato dall’essere gay, decide, in una scena tragicomica e toccante, di annegarla, per annegare anche le sue pulsioni.

La narrazione, un lungo flashback, che parte da un mattino, in cui Martino si risveglia a New York in un letto sconosciuto tra un uomo e una donna, si snoda vivacemente tra fallite relazioni (la top model più desiderata al mondo, l’attore Alejo) e continui spostamenti, a dimostrazione che, per prima, la serenità deve essere conquistata interiormente. Nell’inarrestabile fuga da sé, Martino cerca di portare a termine il proprio progetto: girare un film che sia il racconto della sua vita. E la dimensione cinematografica è protagonista assoluta delle pagine di Goditi il problema: come un novello Almodovar, Mauri riprende, con spietata ironia, le vicende del suo personaggio, con riferimenti a Il diavolo veste Prada (il terribile boss Lance Mayfair è modellato sulla Miranda Priestley della Streep), Woody Allen, Shame di Steve McQueen (la scena nella dark room) e un finale molto ozpetekiano.

Goditi il problema è una piacevolissima prima prova e, al contempo, una novità nella letteratura italiana: Sebastiano Mauri si dimostra autore accorto e brillante nel creare un’esilarante commedia, in cui l’omosessualità è ben lontana dal tipico ritratto dei mass media italiani. Il riuscire ad accettare se stessi e la realtà che ci circonda, il provare gioia e piacere, ma anche il dolore della perdita e dell’incertezza, si traducono nell’invito finale: bisogna godere, il più possibile, della vita.
La riproduzione di questo testo è vietata senza la previa approvazione dell'autore.

Altre recensioni per Goditi il problema

titoloautorevotodata
Goditi il problemaMauro Fratta
05/06/2014

Potrebbe interessarti anche…

autoretitologenereanno
Massimiliano De Giovanni, Andrea AccardiPazzo di tedrammatico2000
autoretitologenereanno
Giancarlo AlbisolaPoesie per un "diverso" e altre cosepoesia1985
Dennis AltmanOmosessuale, oppressione e liberazionesaggio1974
James BaldwinCamera di Giovanni, Laromanzo1962
Gian Piero BonaSoldato nudo, Ilromanzo1961
Giovanni Dall'Orto, Paola Dall'OrtoFigli diversi new generationsaggio2005
Edwin FeyEstate a Sodomaromanzo1966
Edward Morgan ForsterMauriceromanzo1999
Sebastiano MauriGiorno più felice della mia vita, Ilsaggio2015
Bell (a cura di) RuthCambia il corpo cambia la vitasaggio1982
Delia VaccarelloAmore secondo noi, L'saggio2005
Tutti i risultati (11 libri) »
titoloautoredata
Definirsi è limitarsi?
NON definirsi è addirittura castrarsi...
Giovanni Dall'Orto31/08/2008
L'identità omosessuale: cos'è, a che serve, come si cucinaGiovanni Dall'Orto30/08/2008

Le recensioni più lette di questi giorni

  1. 1

  2. 5

    Relax (videoclip , 1983)

    di

  3. 8

  4. 9

    Spatriati (libro , 2021)

    di