Solo per una notte

2 ottobre 2013

Mathieu Varenne è un timido liceale parigino, con i capelli biondi, tratti fisici simili ad un attore degli anni Cinquanta e un segreto che custodisce gelosamente dentro di sé: è gay. Spaventato dalla possibilità che i suoi compagni e la sua famiglia possano scoprirlo, egli prova, al contempo, come qualsiasi adolescente, le prime pulsioni sessuali e il bisogno di liberarsi al più presto della sua verginità. Un giorno, uscito da scuola, incontra per caso il suo idolo, il calciatore del Paris Saint-Germain Goran Klasic, in ritardo nell’andare a prendere il figlio Mirko. Passate l’eccitazione e la sorpresa del ragazzo, i due si accordano per far sì che Mathieu accompagni Mirko dal padre ogni mercoledì. Tra i due, però, complice anche una cena romantica, nasce un rapporto difficile, a causa delle violente reazioni di Klasic e delle paure di Mathieu, che, nel frattempo, tiene in piedi una relazione sessuale col coetaneo Simon. Un viaggio da Parigi a Zagabria chiarirà la natura istintiva e arrogante del divo, facendo riemergere la tragedia della dissoluzione della ex Jugoslavia, a cui Klasic ha assistito in prima persona (Mazzantini docet), e il vecchio amore per un compagno di squadra, Marek, fino al dolceamaro finale.

Nicolas Bendini ci regala un romanzo che è perfettamente allineato con la collana High School della Playground: tutto è giocato sul piano adolescenziale, le psicologie dei personaggi, soprattutto quelli di cornice, sono lievemente accennate, ma è divertente identificarsi con Mathieu, emblema della freschezza d’amore e delle prime scoperte sessuali. In più le sue vicende risvegliano in noi quella sensazione magica di poter riuscire ad intrecciare una relazione con il nostro idolo. In questo caso Klasic è tutt’altro che amabile; ma, sotto una dura corazza, Bendini ci insegna che può nascondersi un cuore (quasi) tenero.

Ciò che più c’è di innovativo nelle pagine di Solo per una notte è la tanto scottante quanto negata omosessualità nel mondo maschilista e omofobo dello sport, in primis del calcio. E, di fronte alle parole di un Cassano qualsiasi (“Sono froci, problemi loro”), ci si può, almeno, consolare con il ritratto di Klasic, protagonista con Mathieu, del seguito I Fuoriclasse, pubblicato nel 2012.

La riproduzione di questo testo è vietata senza la previa approvazione dell'autore.

Potrebbe interessarti anche…

autoretitologenereanno
AnonimoFumetti Folkerotico1981
AnonimoGol! Il centravantierotico1982
Kazuma KodakaKizuna 8shōnen'ai2004
Ellie MamaharaGokuraku cafèshōnen'ai2004
Minami OzakiZetsuai 1989 (vol. 1)shōnen'ai2002
Minami OzakiZetsuai 1989 (vol. 2)shōnen'ai2002
Minami OzakiZetsuai 1989 (vol. 3)shōnen'ai2002
Minami OzakiZetsuai 1989 (vol. 4)shōnen'ai2002
Minami OzakiZetsuai 1989 (vol. 5)shōnen'ai2002
titoloautoredata
GSI: lo sport come impegno lgbtAlessandro Rizzo09/12/2009
La bellezza della forza.
Intervista a David Chapman sulla storia del culturismo
Stefano Bolognini17/01/2011
autoretitologenereanno
AA.VV.Building Bodiessaggio1997
AA.VV.Gay roots 2miscellanea1993
Nicolas BendiniFuoriclasse, Iromanzo2012
Francesca Cavallaro, Manuela SalviNei panni di Zaffracconti2005
Alessandro GolinelliMio pride, Ilsaggio2005
Christian GuryHonneur ratatiné d'une athlète lesbienne en 1930, L'saggio1999
John Gustav-WrathallTake the young stranger by the handsaggio1998
LMPhotoproject, Manlio BrusatinColtello di Winckelmann, Il / Winckelmann's knifefotografia2008
Patricia Nell WarrenCorsa di Billy, Laromanzo2007
Patricia Nell WarrenSfida di Harlan, Laromanzo2010
Tutti i risultati (15 libri) »
titoloautoredata
Vecchie glorieGiovanbattista Brambilla06/07/2007
titoloanno
Bolle di sapone1977
Kevin Hill2004
Sweat1996

Le recensioni più lette di questi giorni

  1. 1

    Relax (videoclip , 1983)

    di

  2. 3

  3. 4

    Elegie, Le (libro , 1980)

    di

  4. 8

    Gayday (libro , 2005)

    di