Gli amanti passeggeri

23 luglio 2014

Che Almodovar si conceda a questo punto della sua carriera una pausa di mero divertimento non mi pare motivo di scandalo. Ne Gli amanti passeggeri, criticatissimo ritorno alla commedia del regista spagnolo, non vedo nessuna caduta di stile, solo la voglia di divertirsi giocando con quelli che da sempre sono gli ingredienti del suo cinema.

La maitresse di alto livello, i genitori conservatori con la figlia che fa la prostituta sadica, la veggente che ha previsto che finalmente perderà la verginità e il puttaniere di mezza età sono infatti parti consueti della fantasia di Almodovar, di quelli che circolano in tutte le sue commedie e anche nelle sue incursioni romanzesche. A questi si aggiungono i tre stewart gay, il pilota bisessuale e il copilota etero che si scopre bisessuale e approda all’omosessualità fatta e finita nel giro di un solo volo. Certo il ricorso disinvolto alla sessualità come ingrediente basilare della comicità non può più dirsi iconoclasta, ché i tempi della movida sono lontani e finiti da tempo. Ma il punto mi sembra proprio questo: riciclare per puro piacere ludico gli ingredienti che ricordano i primi lavori, scomposti, sgraziati e abrasivi, all’insegna però di un divertimento leggero, senza complicazioni, con molta nostalgia per gli anni Ottanta. La mano di Almodovar tiene poi a freno la recitazione sempre un attimo prima che scada nella macchietta.

Ad ogni modo, per chiunque abbia volato almeno una volta, meglio due, la sequenza in cui si recitano le misure di sicurezza da sola vale tutto il film.

La riproduzione di questo testo è vietata senza la previa approvazione dell'autore.

Potrebbe interessarti anche…

autoretitologenereanno
Pedro AlmodóvarFuoco nelle viscereromanzo2002
Pedro AlmodóvarPatty Diphusa e altre storiemiscellanea1992
Andrea BergaminiAmori grandi per grandi uominibiografia2000
Laura LaurenziLiberi di amaresaggio2007
Vincenzo PatanèCento classici del cinema gaysaggio2009
Frédéric StraussPedro Almodovarintervista2007
Colm TóibínAmore in un tempo oscurobiografia2003

Le recensioni più lette di questi giorni

  1. 1

  2. 5

    Relax (videoclip , 1983)

    di

  3. 8

  4. 9

    Spatriati (libro , 2021)

    di

  5. 10

    Dune (libro , 1984)

    di