Deep blue deluxe [2004]. Sul difficile confine tra erotismo e pornografia

Nonostante la confezione "deluxe" (cofanetto, rivestimento in tela nera) che si sforza di proiettare un'immagine d'elegante classicità, il tema scelto da questo volume è quanto di meno "classico" si possa immaginare.

Prodotto dalla rivista australiana "Blue", che s'era specializzata in foto di nudo maschile d'autore, questo volume raccoglie infatti solo immagini (omo)sessualmente esplicite, dall'erezione al coito vero e proprio.

L'impressione che ne ho avuto guardandolo è che siamo di fronte a un paradosso. Tra i nomi che firmano le immagini ne appaiono alcuni fra i migliori tra quelli di coloro che hanno sperimentato il nudo erotico maschile e gay, da Tom Bianchi a Carlos Quiroz, da Rick Castro a Slava Mogutin, da Henning von Berg a Clifford Baker, da "Kingdome 19" a molti altri ancora (c'è anche l'italiano Baly Hinter Wipflinger).
Eppure il risultato è decisamente inferiore a quello proposto di routine dai fotografi specializzati nella pura e franca pornografia gay.

Ovviamente non lo scopro io qui ed ora che da anni i fotografi di nudo sono particolarmente interessati alla "linea d'ombra" sempre in movimento che delinea il confine tra erotismo e pornografia. La sfida per tutti loro è riuscire a collocarsi quanto più vicino possibile alla linea, senza però oltrepassarla, per catturare il massimo possibile d'erotismo senza "scadere" nella pornografia.

Ebbene, a guardare questo libro direi che questo compito finora sia riuscito meglio ai fotografi che non si pongono il problema del confine (dato che stanno dichiaratamente al di là di esso) e che da molti anni ormai si concedono raffinatezze formali tali che almeno ad alcuni di loro il titolo di "artista" non si può negare. (Magari ci vorrà un secolo perché lo si possa fare senza controversie, però così stanno le cose).

Personalmente ho trovato questo volume un tentativo meritevole, ma fallito. Una volta virato in colori strani, sfocato, pixellato, puntinato, zoomato, illuminato e ombreggiato e quant'altro, un ca..., ehm, un membro virile du.. ehm, in erezione... alla fine sempre quella roba lì, rimane.

E se da un lato mi diverte il virtuosismo (e la pazienza) che a p. 112 Carlos Quiroz esibisce in una foto in cui cattura a mo' di fermo immagine lo spruzzo d'una singola, elegante goccia lattescente su fondo nero, si tratta pur sepre d'un'immagine che si esaurisce nell'originalità dell'idea; una volta fatta, però, diventa semplicemente "già vista".

Alla fin fine, ho trovato noioso tutto questo sesso esibito in tutte le sue declinazioni estreme (dal fistfucking in giù) nello sforzo spasmodico di "trasgredire". A cosa, però, non è molto chiaro.

Ciò che manca del tutto al libro è l'affettività, nonostante stiamo parlando di esseri umani nel bel mezzo d'interazioni (non fosse altro che quella tra fotografo e modello, spesso trascurata ma altrettanto potente di quella fra due modelli).

Non uno sguardo complice, non un cenno di desiderio, non un sorriso di complicità (con la sola eccezione di quello a p. 42, di Henning von Berg), non una dose di malizia, non un gesto di affetto. Nulla: ci troviamo di fronte al deserto delle emozioni, a macchine per il sesso, ad atleti dell'orgasmo... Situazione questa che ci omologa pericolosamente al mondo della pornografia da cui l'intenzione era di rimanere a distanza...

Questa assenza è tanto coerente - anzi, ostinata - per tutto il libro, da darmi la certezza del fatto che l'errore non stia nella produzione fotografica contemporanea di foto erotiche gay, bensì nell'occhio e nel modo di concepire la sessualità dei redattori che hanno selezionato le foto.

Peccato. Incursioni nella "terra proibita" a ridosso del mondo del "proibito" non sono frequenti, dunque è sempre un peccato quando una di queste rare occasioni viene tanto clamorosamente mancata...

La riproduzione di questo testo è vietata senza la previa approvazione dell'autore.

Potrebbe interessarti anche…

nomeprofessioneautoreanni
Vincenzo Galdifotografo, galleristaGiovanni Dall'Orto1871 - 1961
Tony PatriolifotografoGiovanni Dall'Orto1941
Wilhelm von PlüschowfotografoGiovanni Dall'Orto1852 - 1930
autoretitologenereanno
Giancarlo GiovineGiovine's sketcheserotico2011
Wally RainbowWally Rainbow's ebay artworks 12008
titoloautoredata
Francesco Paolo Catalano
Un fotografo delle identità come cultura gender e queer
Alessandro Rizzo07/07/2010
La bellezza della forza.
Intervista a David Chapman sulla storia del culturismo
Stefano Bolognini17/01/2011
autoretitologenereanno
AA.VV.Complete Reprint of Physique Pictorial: 1951-1990, Thefotografia1997
AA.VV.Homosexual men in action 1890-1930fotografia2002
AA.VV.L'art du nu au XIXe sieclecatalogo1997
AA.VV.Petite cochonneriefotografia1991
AA.VV.Sicilia mitica Arcadiafotografia2004
AA.VV.Spicchi di desideriofotografia1994
AA.VV.The mammoth book of gorgeous guysfotografia2011
AA.VV.Von Gloeden et le XIXe sièclefotografia1977
AA.VV., Wilhelm von Gloeden, Wilhelm von PlüschowFotografia pittorica 1889/1911catalogo1979
Jacques d' Adelswaerd FersenAmori et dolori sacrumpoesia1990
Tutti i risultati (105 libri) »
titoloautoredata
Anima e corpo: Elli Souyioultzoglou-Seraìdari (1899-1998)Giovanbattista Brambilla08/08/2005
Champion studioGiovanbattista Brambilla17/07/2005
I ragazzi di Tony PatrioliGiovanni Dall'Orto19/10/2010
Per un catalogo delle foto di Wilhelm von Gloeden
(ovvero: tutto quel che ho imparato fin qui sulla loro catalogazione)
Giovanni Dall'Orto22/01/2012
titoloartistaanno
Being boringNeil Tennant, Chris Lowe1990

Le recensioni più lette di questi giorni

  1. 2

    Relax (videoclip, 1983)

    di

  2. 4

  3. 5

    Isabella (fumetto, 1966)

    di

  4. 6

    Sukia (fumetto, 1978)

    di

  5. 7

    Lady Oscar (serie tv, 1979)

    di

  6. 8

    Altri libertini (libro, 1980)

    di

  7. 10