Ratzy non è gay?

22 ottobre 2008, "AUT", luglio 2007, n. 92

Secoli di discriminazioni e assassinii, un paranoico oscurantismo clericale, omofobico e sessista, da cui all'alba del nuovo millennio non filtra nessun raggio di speranza o di ripensamento.

A partire dall'inarrestabile ascesa del futuro Pastore tedesco (alla cui greppia mandrie di politici di destra e di sinistra amano ora genuflettersi), per anni spietato 'tenutario' dell'ortodossia cattolica e autorevole interprete dello stigma contro le persone glbt, l'autore illustra con dovizia di foto e citazioni la sua incazzata 'agiografia' di "PapaRatzi", un santino così poco fotogenico ma attento alle mille sfumature di un look... destinato a sf(r)ociare irrimediabilmente nel Trionfo della Volontà (e del ridicolo).

La riproduzione di questo testo è vietata senza la previa approvazione dell'autore.

Le recensioni più lette di questi giorni

  1. 1

    Relax (videoclip, 1983)

    di

  2. 4

    Sukia (fumetto, 1978)

    di

  3. 5

    Vogue (videoclip, 1990)

    di

  4. 6

    Smalltown boy (videoclip, 1984)

    di

  5. 8

  6. 10

    Isabella (fumetto, 1966)

    di