Le poesie di Pier Paolo Pasolini

18 febbraio 2009, "Clubbing", febbraio 2009

Disprezzato, vilipeso, condannato, ucciso, e quindi imbalsamato, mummificato e glorificato, Pasolini vive la vita strana dei geni morti incompresi.

Il volume ce lo presenta come poeta, in un momento in cui la sua poesia sembra così poco adatta a far sognare i lettori o a servire da modello ai poeti nuovi, che non lo citano mai tra gli autori preferiti, nelle interviste. E certo tanto tempo è trascorso da quando i lettori si commuovevano fino alle lacrime sulle parole che descrivevano la benna in Il pianto della scavatrice (...Ma tra gli scoppi testardi della/ benna che cieca smembra, cieca/ sgretola, cieca afferra,// quasi non avesse meta/ un urlo improvviso, umano,/ nasce, e a tratti si ripete,// così pazzo di dolore, che, umano,/ subito non sembra più, e ridiventa/ morto stridore...).

Tanto tempo è passato da quando Pasolini pareva un Majakovskij in minore, importante perché impegnato, politico, etico. Il libro è la ristampa, pressoché identica, d'un volume di poesie scelte dall'autore, pubblicato nel 1970 dal medesimo editore.

Sono versi tratti da Le ceneri di Gramsci (1957), La religione del mio tempo (1961) e Poesia in forma di rosa (1964).

Forse, in tempi di tedioso riflusso, è venuto il tempo di rivalutare il Pasolini poeta dei sentimenti, che per il poeta furono l'amore per la madre, l'amore per la propria lingua, l'amore per i ragazzi, che trasformò in iperbolici oggetti artistici in maniera opposta a quella, discreta, di Penna. Il gioco del poeta erotico Pasolini era pur sempre una tensione d'attrazione e una caccia di sguardi e di corpi, anche a pagamento: una caccia nota, scandalosa. In questo senso lo si può definire il nostro poeta gay per eccellenza: perché non temeva il moralismo e, dopo il processo, forse perché non aveva più molto da nascondere, nulla nascose più; e diede fastidio colla sua penna puntuta e col suo comportamento a chi, di destra e di sinistra, ci vuole (tutt'oggi) normali all'esterno, diversi nel chiuso delle nostre case.

Ci sono, poi, anche tra di noi, i poeti che chiosano, a microfoni staccati, che dopotutto Pasolini se l'era andata a cercare, quella sera sul litorale romano, quando fu massacrato. E si sa che chi cerca trova. Non è una tesi nuova.

Lo dissero anche i fascisti, all'epoca. 'Il vero dolore è capire una realtà', scrive Pasolini in un verso memorabile; la sua realtà pareva distorta agli occhi dei più. Ora che la sua realtà è clamorosamente la nostra realtà, dovremo chiederci se Pasolini avesse la sfera di cristallo, o se invece avessero le fette di culatello sugli occhi tutti gli altri.

E potremo piangere sul latte versato d'una perdita atroce per la nostra cultura, non soltanto lgbt. In ogni caso, chi fosse allergico alle parole o preferisse la forza delle immagini virtuali può passare un bel po' di tempo istruttivo su You Tube a guardare la faccia ossuta del poeta in tante interviste video, e leggere nel frattempo gli insulti on line che fascisti d'ogni latitudine scrivono e firmano nei blog sottostanti. Sono quasi tutti giovanissimi.

La riproduzione di questo testo è vietata senza la previa approvazione dell'autore.

Potrebbe interessarti anche…

autoretitologenereanno
AnonimoSatiryconerotico1975
Gianluca MaconiDelitto Pasolini, Ilbiografico2005
Davide ToffoloIntervista a Pasolinibiografico2002
autoretitologenereanno
AA.VV.Cronisti raccontano la cronaca, Idocumenti2007
AA.VV.Cupo d'amoresaggio1978
AA.VV.Franco italica n. 6miscellanea1994
AA.VV.Interpretazioni di Pasolinisaggio1977
AA.VV.Littérature et homosexualitésaggio2003
AA.VV.Sessuofobiasaggio1962
Cristiano Armati, Yari SelvetellaRoma criminalesaggio2007
Luca BaldoniParole tra gli uomini, Lepoesia2012
Dario BellezzaLibro di poesiapoesia1990
Dario BellezzaPoeta assassinato, Ilbiografia1996
Tutti i risultati (49 libri) »
titoloautoredata
Pasolini: l'omosessualità come chiave di lettura della realtàFrancesco Gnerre21/03/2005

Le recensioni più lette di questi giorni

  1. 5

    Isabella (fumetto, 1966)

    di

  2. 6

    Lady Oscar (serie tv, 1979)

    di

  3. 7

    Sukia (fumetto, 1978)

    di

  4. 10