Io, angelo nero

16 ottobre 2004

La vita è fatta d'occasioni mancate, si sa... ma per qualcuno lo è più che per altri. In questo caso, ad esempio, l'occasione mancata è bella grossa, trattandosi dell'autobiografia dell'assassino di Pierpaolo Pasolini, che finalmente avrebbe avuto modo e mezzo per dire la sua. Troppe volte abbiamo sospettato che il suo torto maggiore fosse stato uccidere un personaggio troppo famoso, pagando per un biasimo derivato non dall'atto in sé ma dalla fama della vittima. (Per una raccolta di articoli e verbali dell'epoca (1975) sul delitto Pasolini, fare clic qui).

Ebbene, chi sperava che questo libro servisse a fornire un punto di vista diverso sulla vicenda, avrà una delusione. Perché, per dirla tutta in una frase, Giuseppe Pelosi detto Pino nun ha ffatto gnente.... o quasi. Lui era un ragazzo vivace, certo, un po' con l'argento vivo addosso, ecco, ma era tanto bbono, signo'... Ovviamente lui non faceva assolutissimamente marchette, ed è stato solo indotto da Pasolini a provare a farlo, ma giusto per curiosità...

Pasolini lui non lo voleva uccidere... anzi manco s'è accorto di averlo fatto.

Lui si è solo difeso da una selvaggia aggressione d'un sadico, e basta.

Eccetera: già fatto, già visto, già sentito: nulla di nuovo.

Pelosi si dimostra un bambino (anche se nel 1995 andava quasi per i quarant'anni) che crede di poter ingannare il lettore con trucchetti da bambino. Perché lui ha sì riempito di botte la sua ragazza, però non voleva (e ci risiamo?)... e poi era colpa della ragazza... e dopo le ha perfino chiesto scusa...

È stato coinvolto in una rapina, ma era 'n'infamità, lo hanno accusato ingiustamente, era 'na persecuzzione! E così via.

Ora, ciascuno di noi ha diritto di tacere per non autoaccusarsi. Se uno ha sulla coscienza qualcosa e non ne vuol parlare, non lo si può certo torturare perché la spiattelli.

Ma se la reticenza è la linea di difesa scelta da Pelosi, allora perché pubblicargli questo libro, solo per rivelare che non aveva assolutamente nulla da rivelare?

L'unica motivazione che viene in mente è il desiderio di monetizzare sull'unico claim to fame della sua vita: avere ucciso Pasolini (e sai che claim to fame...). Non a caso la prefazione rivela che quest'autobiografia era stata commissionata "da un grosso editore" ma che "poi il progetto non era andato in porto, forse perché il libro aveva deluso le aspettative". E be': quanto a deludere, non è che ora, invece...

Oltre a ciò Gaetano De Leo, che firma la prefazione, ammette di avere "riscritto" questo documento, a cui aveva già messo mano pure una non meglio specificata "giornalista" (forse Dacia Maraini, che firma la postazione?). Con tutto questo sfruculiare e riscrivere, il testo ha perso anche il valore di documento umano. Il linguaggio di Pelosi risulta un ircocervo, un ibrido di espressioni in italiano ultrapopolare e di forbitezze aulico-squisite: ("per ingannare il tempo ho intensificato le mie attività, oltre che a (sic) lavorare gioco molto a tennis e mi sono scritto (sic) al torneo di calcio" (p. 81). Ed anche il suo modo di argomentare ondeggia fra ragionamenti piatti e infantili, e sillogismi da casuista. A questo livello, non sarebbe stato meglio intervistarlo, ed amen?

Ah no, un'intervista non è monetizzabile quanto uno scritto "di suo proprio pugno"...



E così, invece d'una riflessione d'un uomo maturo che si guarda indietro e riconsidera il senso di atti di cui è stato protagonista, invece d'un punto di vista diverso rispetto a quello (fin troppo noto) dei moltissimi amici letterati di Pasolini, abbiamo un bambino in un corpo adulto che sa solo ripetere a pappagallo ciò che aveva detto a 17 anni. Mah!

Completa l'opera una breve ma ottima riflessione di Dacia Maraini, "Pino Pelosi scrittore" (che si può leggere anche su Internet). Dopo l'uscita di Petrolio, il masochismo di Pasolini non è più un segreto per nessuno, e la Maraini ipotizza quindi che quella notte Pasolini possa effettivamente aver provocato Pelosi, sfottendolo, per farsi picchiare. Ma per sua sfortuna Pasolini s'è imbattuto in una persona priva del senso della misura e incapace di controllarsi, come Pelosi dimostra di essere nel suo racconto autobiografico.

Chi studia il delitto Pasolini non può, ovviamente, esimersi da leggere questo documento.

Ma non può nemmeno esimersi dal rimpiangere ciò avrebbe potuto essere, ma non è stato.

La riproduzione di questo testo è vietata senza la previa approvazione dell'autore.

Potrebbe interessarti anche…

nomeprofessioneautoreanni
Hendrik AndersenscultoreVari1872 - 1940
Vinicio DiamantiattoreVari1926 - 2009
Vincenzo Galdifotografo, galleristaGiovanni Dall'Orto1871 - 1961
Wilhelm von PlüschowfotografoGiovanni Dall'Orto1852 - 1930
autoretitologenereanno
AA.VV.Frammentishōnen'ai2003
AA.VV.Gocceshōnen'ai2002
AnonimoSatiryconerotico1975
Barbara Apostolico, Claudia LombardiCaim 4shōnen'ai2004
William Bondi, Valerio RontiniAno santo, L'erotico2000
Francesca Bonifacio, Lucia Piera De PaolaSynapsysshōnen'ai2013
Copi (pseud. Raul Damonte-Taborda)Fantastico mondo dei gay, Ilcomico1987
Gaspare De Fiore, Santi D'AmicoDe Sadeerotico1971
Enzo Di LauroSol 4015fantascienza2011
Roy (pseud.) KlangDick mastererotico2003
Tutti i risultati (31 fumetti) »
titoloautoredata
Cancellare le distanze
Intervista ad Antonio Veneziani su "Cronista della solitudine"
Vari03/01/2013
L'impero degli orsi
Intervista a Gengoroh Tagame
Massimo Basili18/06/2010
Lezioni d'amore
Intervista a Sandro Campani e Daniele Coppi
Massimo Basili13/10/2012
Nata due volte
Intervista a Giò Stajano
Gabriele Strazio22/10/2008
Roma com'era
Intervista a Vinicio Diamanti
Andrea Pini18/01/2008
autoretitologenereanno
AA.VV.100 libri da salvarebibliografia1996
AA.VV.Alien sexracconti2003
AA.VV.Among womenmiscellanea2002
AA.VV.Belli & perversiracconti1987
AA.VV.Bloody Europe!racconti2004
AA.VV.Cronisti raccontano la cronaca, Idocumenti2007
AA.VV.Cupo d'amoresaggio1978
AA.VV.Franco italica n. 6miscellanea1994
AA.VV.Guida agli archivi lesbiciguida1991
AA.VV.Interpretazioni di Pasolinisaggio1977
Tutti i risultati (209 libri) »
titoloautoredata
Pasolini: l'omosessualità come chiave di lettura della realtàFrancesco Gnerre21/03/2005
World Pride Roma 2000
Una brevissima storia di un trionfo.
Giovanni Dall'Orto11/04/2012
World Pride. Il vizietto del Vaticano. Una riflessioneGianni Rossi Barilli03/04/2004
titoloanno
Cucumber2015
London Spy2015
titoloartistaanno
EroticaMadonna, Naomi Campbell, Isabella Rossellini, Tony Ward1992
Point GGael, Gael Hausmann2010
RelaxHollie Johnson, Paul Rutherford1983
TeethRust Slovenec2008