Maruani

16 gennaio 2012

[Recensione di Antonio Rizzo]


Maruani è l'ultimo romanzo dello scrittore pesarese Omar Di Maria.


Il titolo potrebbe dirci tutto o non dirci un bel nulla o addirittura, perché se non sei "de Roma", se non frequenti le borgate romane e i posti giusti, allora non capisci con chi hai a che a fare.


I maruani non sono altro infatti che marchette, che vivono in questa "Stupenda e misera città" descritta cosi da Pasolini, che ringrazia nei suoi racconti di vita per avergli "fatto fare esperienza di quella vita ignota: fino a farmi scoprire ciò che, in ognuno, era il mondo...".

Maurani è un romanzo dai sentimenti forti, come la gelosia e la paura d'essere soli, di non essere più amati, di essere destinato solo all'indifferenza della gente per il semplice fatto che ormai sei vecchio.


Ed è proprio così che inizia il romanzo: con la gelosia ossessiva di un anziano professore che entra in tarda serata nel commissariato di Porta Pia e mette in subbuglio, per una notte, non solo la quiete di chi ci lavora ma anche di chi lo amorevolmente sfruttato e appoggiato.

Si racconta di un delitto passionale scritto in un diario che l'anziano professore porta con sé come prova legittima della sua confessione relativa all'assassinio di un ragazzo.


E quindi ci si addentra in un delitto passionale delirante per il quale la trama, anziché risolversi con la semplice confessione, si ramifica con altri fattori, altre vite, altre situazioni esterne, legate a quella Roma "per bene", dei grandi imprenditori, e protetta da alti dirigenti e prestigiosi politici.

Un romanzo scorrevole, dal linguaggio colloquiale e logiche ben scandite.

Se si volesse riassumere tutta la vivacità e la bellezza di questo romanzo, lo si potrebbe fare in una sola parola: sorprendente.

La riproduzione di questo testo è vietata senza la previa approvazione dell'autore.

Potrebbe interessarti anche…

nomeprofessioneautoreanni
Hendrik AndersenscultoreVari1872 - 1940
Vinicio DiamantiattoreVari1926 - 2009
Vincenzo Galdifotografo, galleristaGiovanni Dall'Orto1871 - 1961
Wilhelm von PlüschowfotografoGiovanni Dall'Orto1852 - 1930
titolointerpreteanno
Customer's Always Right, the Braswell, Charles1961
autoretitologenereanno
William Bondi, Valerio RontiniAno santo, L'erotico2000
Sabas MartínDentroerotico2010
Michele Medda, Luca Casalanguida, Michele Benevento, Lorenzo De FeliciLukas n° 10 - "Alias"orrore2014
Mark Millar, John RomitaKick-Ass (omnibus)comico2012
Antonio MontanaroEphebuserotico2011
Gengoroh TagameVirtusmanga2011
Eva VillaAyakurashōnen'ai2000
titoloautoredata
Cancellare le distanze
Intervista ad Antonio Veneziani su "Cronista della solitudine"
Vari03/01/2013
Lezioni d'amore
Intervista a Sandro Campani e Daniele Coppi
Massimo Basili13/10/2012
Nata due volte
Intervista a Giò Stajano
Gabriele Strazio22/10/2008
Roma com'era
Intervista a Vinicio Diamanti
Andrea Pini18/01/2008
autoretitologenereanno
AA.VV.100 libri da salvarebibliografia1996
AA.VV.Among womenmiscellanea2002
AA.VV.Belli & perversiracconti1987
AA.VV.Bloody Europe!racconti2004
AA.VV.Cronisti raccontano la cronaca, Idocumenti2007
AA.VV.Guida agli archivi lesbiciguida1991
AA.VV.Transessualismo, Ilmiscellanea1997
AA.VV.Vita e cultura gaydocumenti2007
AA.VV., Marina Formica, Alberto PostigliolaDiversità e minoranze nel Settecentomiscellanea2006
AA.VV., Ernesto Mezzabotta, Raimondo BiffiFantazaria n. 1miscellanea1966
Tutti i risultati (145 libri) »
titoloautoredata
World Pride Roma 2000
Una brevissima storia di un trionfo.
Giovanni Dall'Orto11/04/2012
World Pride. Il vizietto del Vaticano. Una riflessioneGianni Rossi Barilli03/04/2004
titoloanno
Hollywood2020
titoloartistaanno
Gigolò2010