Solitary Sex

3 maggio 2005

In questa voluminosa - e non proprio scorrevolissima - "storia culturale della masturbazione" Thomas W. Laqueur, professore di storia a Berkeley e già autore di Making Sex: Body and Gender from Greeks to Freud (1990), mostra come la più comune forma di sessualità umana sia diventata una pratica aborrita, oggetto di condanna morale prima e di un'ossessiva attenzione medica poi, solo in epoca moderna, e più precisamente intorno al 1712, anno in cui venne pubblicato il trattato Onania del quacchero John Marten, e quindi quasi mezzo secolo prima della pubblicazione del più celebre trattato di Tissot. Non che prima fosse sempre ben vista, ma di certo non era in prima linea tra i nemici della moralità e della salute.


Già Foucault aveva esplorato la medicalizzazione addirittura isterica della masturbazione tra '700 e '800, considerata madre di tutte le possibili malattie in quanto causa di una generale debilitazione fisica che potrebbe portare persino alla morte. Molti medici (ivi compresi i più - relativamente - "illuminati", come Krafft-Ebing) giuravano allora che tra le malattie cui l'eccesso di masturbazione può dar luogo c'è l'omosessualità.


Anche Laqueur (che discute le teorie di Foucault alle pp. 270-276) si sofferma sul legame tra onanismo e omosessualità per metterle entrambe in collegamento con una più generale "riconfigurazione della mascolinità" (p. 255) cui si assisterebbe a partire dal XVIII secolo. Per Laqueur masturbazione e omosessualità sarebbero dunque viste come manifestazioni di "un più ampio fenomeno di eterosessualità fallita" (p. 257) e per questo si troverebbero costantemente legate (tanto che la loro "associazione era divenuta canonica con l''800", p. 257).

Ma allo stesso tempo Laqueur ci tiene a distinguere la medicalizzazione della masturbazione da quella di cui furono oggetto altre forme di comportamento (omosessualità, prostituzione, ecc.) in quanto le precederebbe tutte, non sarebbe regolata dallo stato e sarebbe la conseguenza di una più generale, diffusa e profonda preoccupazione nei confronti "dell'immaginazione, della solitudine e dell'eccesso" (p. 277) che emergerebbe in parallelo con il "nuovo ordine politico-economico" (p. 280), quello ovviamente legato all'ascesa della borghesia.

La riproduzione di questo testo è vietata senza la previa approvazione dell'autore.

Potrebbe interessarti anche…

autoretitologenereanno
Bartolomé BennassarStoria dell'Inquisizione spagnola dal XV al XIX secolosaggio1994
Alfredo BerlendisGioia sessuale: frutto proibito?, Lasaggio1985
Michele CapozziDe masturbationesaggio2007
Lorraine Daston, Vidal Fernando, Helmut PuffMoral authority of Nature,Themiscellanea2004
Thierry Delessert"Les homosexuales dont un danger absolu"saggio2012
Paul GarnierOnanismo a due in tutte le forme, L'saggio1907
Margaret MeadAdolescente in una società primitiva, L'saggio1970
Antonio NalessoAutoerotismo nell'adolescente, L'saggio1970
Uta Ranke-HeinemannEunuchi per il regno dei cielisaggio1990
Guido RuggieroConfini dell'eros, Isaggio1988
Tutti i risultati (12 libri) »

Le recensioni più lette di questi giorni

  1. 1

  2. 3

    Relax (videoclip , 1983)

    di

  3. 4

  4. 8

    Domino dancing (videoclip , 1988)

    di

  5. 10

    Spatriati (libro , 2021)

    di