Il vizietto

7 giugno 2005, "A qualcuno piace gay" (La libreria di Babilonia, 1995)

Il film è tratto da una fortunatissima pièce teatrale di Jean Poiret, il cui titolo La cage aux folles (ossia La gabbia di matti) rimanda al nome del locale notturno di Albin e Renato. La trasposizione sullo schermo non è stata meno riuscita ed ha ottenuto un successo straordinario di pubblico, tanto da essere il primo di una trilogia (ma Il vizietto II e Il vizietto III non ne sono certo all'altezza, in particolare quest'ultimo, diretto peraltro da Georges Lautner).

Il film conserva uno stampo teatrale ed è una pochade perfettamente oliata - costruita con gli ingredienti più tipici, come equivoci o travestimenti - che strappa risate di gusto.

In alcuni momenti è decisamente esilarante, soprattutto quando la comparsa del tronfio Charrier, messo duramente a ludibrio dalla situazione, crea inevitabili scintille con Albin e con Jacob e con i molti oggetti compromettenti della casa (come i piatti con "i greci che si inchiappettano"). O ancora quando Albin tenta goffamente di assumere comportamenti più virili.

Molto merito, questo è sicuro, va ai due magnifici protagonisti, a volte decisamente irresistibili: Tognazzi (che già aveva recitato travestito in Splendori e miserie di Madame Royale di Vittorio Caprioli) sa essere impareggiabile, ma ancora più strepitoso è Michel Serrault (ottimamente doppiato da Oreste Lionello) il quale, perfettamente a suo agio nel personaggio, sa essere elegante quanto pieno di ricca umanità.

La storia non risparmia nessun luogo comune sull'omosessualità, soprattutto nel personaggio di Albin, un'attempata checca dalle movenze effeminate. Eppure anche il pubblico gay ha mostrato una giusta simpatia verso quest'opera sia perché, a modo suo, mostra come i rapporti che investono Albin e Renato siano affini a quella di una coppia etero, con le stesse crisi e gli stessi litigi, e sia perché il risultato è decisamente accattivante e, soprattutto, mai volgare.

Tutte scelte dipendenti, evidentemente, dal fatto che il film è stato finalizzato ad un grosso pubblico e quindi i personaggi omosessuali dovevano evitare ogni problematica morbosità ed essere ben graditi, a costo di essere ridotti a macchiette, anche se garbate ed ilari. Rimane il fatto che esso, pur con i suoi difetti, ha contribuito non poco a rendere familiare la figura dei gay per il grosso pubblico, in un momento storico in cui esisteva un'apertura sociale in tal senso.

La riproduzione di questo testo è vietata senza la previa approvazione dell'autore.

Potrebbe interessarti anche…

titolointerpreteanno
My Brother Is Gay Vandals, the 2002
autoretitologenereanno
Copi (pseud. Raul Damonte-Taborda)Fantastico mondo dei gay, Ilcomico1987
JuanolOCi piacciamo!fiaba2007
Ralf KönigRoy & Alcomico2006
Maureen ListenQuesto terzo sesso che non è un sessocomico1995
Francescsa Pardi, Desideria GuicciardiniQual è il segreto di papà?fiaba2011
Eva VillaAyakurashōnen'ai2000
titoloautoredata
Gruppo di famiglia in un esterno
AUT incontra Stefano Bolognini in occasione dell’uscita del suo libro Una famiglia normale (Edizioni Sonda, € 11)
Daniele Cenci05/11/2008
Una produzione dal basso: “Il lupo coi calzoncini corti”Alessandro Rizzo12/07/2009
autoretitologenereanno
AA.VV.Belli & perversiracconti1987
AA.VV.E l'ultima chiuda la portamiscellanea1996
AA.VV.Fuori dalla città invisibilesaggio2003
AA.VV.Politica del corpo, Lasaggio1976
AA.VV., Stefano Rodotà, Mario Pollo, Giacomo Rossi, Domenico Pezzini, Marcello Matté, Paola Dall'OrtoOmosessualitàmiscellanea1993
Raffaella Ammirati, Federica IannettiSenza Pacssaggio2006
Association ContactNostri figli omosesessuali..., Imiscellanea2007
Ursula BarzaghiSenza vergognabiografia1998
Chiara BertoneOmosessualità, Lesaggio2009
Franca Bimbi, Rossana TrifilettiMadri sole e nuove famigliesaggio2006
Tutti i risultati (58 libri) »
titoloartistaanno
Smalltown boyJimmi Somerville, Steve Bronski, Larry Steinbachek1984
So gay?Michael Vaughn, Chris Tanner2007

Le recensioni più lette di questi giorni

  1. 3

    Isabella (fumetto, 1966)

    di

  2. 5

    Sukia (fumetto, 1978)

    di

  3. 6

    Lady Oscar (serie tv, 1979)

    di

  4. 7

  5. 10

    Porno cuore (libro, 2005)

    di