Omosessuali di destra

Marco Fraquelli con il suo studio Omosessuali di Destra ha il pregio di aver raccolto in un unico saggio storico, forse per la prima volta in Italia, personaggi di Destra più o meno dichiaratamente gay, o meglio, appartenenti ad una ben determinata destra estremista, nazionalista e spesso nazional-socialista; l’autore non offre materiale inedito o fatti dei quali non si era giunti prima a conoscenza, ma ha sicuramente il pregio di aver analizzato il doppio filo conduttore (quello gay e quello di appartenenti alla destra) che lega gerarchi nazisti intellettuali vicini al nazional-socialismo, collaborazionisti francesi, militanti neonazisti ed altri personaggi sicuramente di destra, anche se non fascisti o antifascisti (come, per esempio, Guido Keller).

Fraquelli analizza la presenza diffusa e quasi fisiologica dell’omosessualità nei movimenti giovanili e nei circoli intellettuale che poi avrebbero rappresentato la linfa del nazismo, ovvero di quel sentimento omoerotico cameratesco sempre macho e mai effeminato, in una società dove l’uomo aveva un compito ben designato e la donna un ruolo circoscritto all’ambito famigliare.

Scorrono come in una sorta di filmato d’epoca le immagini dei Wandervoegel, ovvero delle organizzazioni che prima della Hitlerjugend di von Schirach (gay anche lui) raccoglievano i giovani e dove l’omosessualità era molto diffusa, quasi istituzionalizzata, e quindi della Notte dei lunghi coltelli che segnò la fine delle SA di Roehm; poi personaggi di rilievo come von Goering, Canaris, Mishima, intellettuali come Stefan Gorge, Max Weber, Comisso e famosi collaborazionisti della Francia di Vichy (Brasillach, La Rochelle, de Chateaubriand, Peyrefitte…).

Nel 1986 l’esponente di spicco della destra neonazista francese e revisionista Michael Caignet fece il suo coming-out in occasione di un’intervista apparsa sul periodico Masques, mentre colpisce il dramma personale del neonazista tedesco Michael Kuehnen (anche lui gay dichiarato), che morì di Aids nel 1991 a 36 anni, dopo che era riuscito a tenere le redini delle formazioni neonaziste in Germania nonostante le forte opposizioni dovute interne dovute al suo orientamento sessuale (Infelice il titolo del capitolo a lui dedicato nel libro: L’Aids è di destra? ).

Intelligentemente Fraquelli non si espone circa la presunta omosessualità di Hitler e di altri gerarchi nazisti (come Goebbels, che aveva sei figli), proprio perché presunta, ma si limita a riportarene le diverse tesi, spesso contrapposte.

Un appunto che si potrebbe apportare al lavoro di Fraquelli consiste nel fatto che l’autore considera solo un tipo specifico di Destra, ovvero quella nazional-socialista, mentre il mondo della Destra è una costellazione di correnti e di distinguo, che parte dalla corrente più liberale ed arriva a quella più radicale: si sarebbero potuti prendere in considerazione omosessuali del mondo moderato o liberal-conservatore. Sarebbe come circoscrivere la Sinistra a Stalin ed alle Brigare Rosse.

Negli USA esistono, per esempio, organizzazioni omosessuali della corrente repubblicana, come pure in Europa la forte (e sostenuta economicamente e politicamente) GayLib francese, organica all’UMP o la LSU tedesca.

Come poi dimenticare che nei paesi europei è stato spesso determinante il voto della destra liberale in occasione del riconoscimento delle unioni omoaffettive?

La riproduzione di questo testo è vietata senza la previa approvazione dell'autore.

Potrebbe interessarti anche…

autoretitologenereanno
Flavia BiondiBarba di perledrammatico2012
Luca de Santis, Sara Colaone, Giovanni Dall'OrtoIn Italia sono tutti maschistorico2008
Alan Moore, David LloydV per Vendettafantascienza2006
autoretitologenereanno
AA.VV.E l'ultima chiuda la portamiscellanea1996
AA.VV.Giornata particolare di Ettore Scola, Unasaggio2003
AA.VV.Nel nome della razzasaggio2000
AA.VV., Nerina Milletti, Luisa Passerini, Elena Biagini, Alessandra Cenni, Nicoletta Poidimani, Gabriella Romano, Laura SchettiniFuori della normamiscellanea2007
AA.VV., Anna Riva, Franca Casamassima, Rino Pullano, Dario Petrosino, Stefano Casi, Alberto Bigagli, Roberto Barbabè, Giuseppe SolfriniOmosessualità fra identità e desiderio, L'miscellanea1992
Tatamkhulu AfrikaParadiso amaroromanzo2006
AnonimoReverendo giù le manisaggio2000
Gianni BaldiDolce Egeo, guerra amarasaggio1988
Giorgio BassaniOcchiali d'oro, Gliromanzo2005
Lorenzo BenadusiNemico dell'uomo nuovo, Ilsaggio2005
Tutti i risultati (40 libri) »
titoloautoredata
Catania, 1939
Incontro con Pino, confinato politico omosessuale nel 1939
Franco Goretti19/10/2004
I luoghi di Pino, confinato politico omosessuale nel 1939Franco Goretti21/10/2004
«Scaruffati folletti»: frammenti di un discorso omoerotico in GaddaDaniele Cenci22/05/2007