Maurice [1914/1970]. Se il guardiacaccia seduce il signorino...

12 ottobre 2008

Maurice è un giovane della classe alta inglese che in un college s'innamora di un compagno, Clive.

Ispirati dall'ideale d'amore, omosessuale ma casto, contenuto nel Simposio di Platone (che allora faceva parte del bagaglio di studi della borghesia colta: si veda come abbia un ruolo centrale anche nel quasi contemporaneo romanzi Vanja di Kuzmin) i due cercano d'imbastire una relazione d'amore che però non "scada" nel sesso. Cosa che Maurice scoprirà essere molto più difficile di quanto sperasse.

Le strade dei due innamorati allora si dividono: dopo vari quanto vani tentativi di cambiare (molto divertente il tentativo di curarsi con l'ipnosi, che effettivamente fu presa in considerazione all'inizio del secolo scorso a questo scopo) Maurice troverà finalmente un nuovo, soddisfacente rapporto anche sessuale con un giovane proletario (magistrale la scena della seduzione da parte del giovanotto, un guardiacaccia di Clive), mentre Clive preferirà rinnegarsi e sposarsi, entrando così nell'ipocrita tran-tran piccolo borghese.

L'"audacia" del soggetto di questo romanzo finì per spaventare il suo stesso autore, che lo condannò alla reclusione in un cassetto, facendolo leggere per molti decenni solo a pochi amici fidati (e gay), al punto che vide le stampe solo dopo la morte di Forster, nel 1970.

Da allora non ha più cessato d'essere ristampato in tutto il mondo, (nonostante il fatto che la società e le problematiche descritte siano legate ad un secolo che fu). Ciò accade un po' per merito del film che ne è stato tratto, ma molto anche per il modo magistrale in cui è scritto.

Forster lo concepì del resto nell'intento di creare un esemplare di quel genere letterario che ai suoi tempi era come l'Araba Fenice: uno scritto che parlasse di omosessualità, ma che avesse un lieto fine.

E il lieto fine in effetti c'è, anche se pare tratto più da una sogno visionario di Walt Whitman che dalla realtà... o per meglio dire, è certamente tratto ed ispirato dalle visioni di Towards democracy di Edward Carpenter (il più importante pioniere del movimento omosessuale britannico) e ancor più che dal suo poema dalla scelta compiuta da lui e dal suo compagno, George Merril, di vivere la vita descritta nel finale del romanzo... che quindi è un omaggio un po' idealizzato alla loro realizzazione.

La riproduzione di questo testo è vietata senza la previa approvazione dell'autore.

Altre recensioni per Maurice

titoloautorevotodata
Maurice. Primavera di corpi che si abbracciano nella lottaFabio Bazzoli
30/12/2011
MauriceMauro Fratta
20/02/2013

Potrebbe interessarti anche…

autoretitologenereanno
Massimiliano De Giovanni, Andrea AccardiPazzo di tedrammatico2000
Shinobu Gotoh, Kazumi OhyaJune prideshōnen'ai2005
Keiko KonnoChe carino!shōnen'ai2004
Keiko KonnoChe carino! 2shōnen'ai2004
autoretitologenereanno
AA.VV.Hidden from historymiscellanea1989
AA.VV., Andrea Aste, Gianluca Polastri, Marco Manera, Dario Janese, Alessandro PolaConviviamiscellanea2007
Abrabanel, Jehuda, detto "Leone Ebreo", Leone EbreoDialoghi d'amoreopera filosofica1929
Joe Ackerley, Martin Sherman, Robert Gellert, Eric BentleyGay playsteatro1992
Barbara AlbertiPrincipe volante, Ilracconti2004
Giancarlo AlbisolaPoesie per un "diverso" e altre cosepoesia1985
Dennis AltmanOmosessuale, oppressione e liberazionesaggio1974
James BaldwinCamera di Giovanni, Laromanzo1962
Sandra BoehringerHomosexualité féminine dans l'Antiquité grecque et romaine, L'saggio2007
Gian Piero BonaSoldato nudo, Ilromanzo1961
Tutti i risultati (62 libri) »
titoloautoredata
Definirsi è limitarsi?
NON definirsi è addirittura castrarsi...
Giovanni Dall'Orto31/08/2008
L'identità omosessuale: cos'è, a che serve, come si cucinaGiovanni Dall'Orto30/08/2008

Le recensioni più lette di questi giorni

  1. 1

    Isabella (fumetto, 1966)

    di

  2. 2

    Sukia (fumetto, 1978)

    di

  3. 5

    Relax (videoclip, 1983)

    di

  4. 6

    Altri libertini (libro, 1980)

    di

  5. 7

  6. 8

  7. 10

    UnHung Hero (film, 2013)

    di