Scritto sul corpo

3 novembre 2006, AUT, n. 83, agosto-settembre 2006.

Tratto da "Untold Stories" (2005), titolo identico al libro della Winterson, ecco l'educazione sentimentale - ricreata con stile ovattato e al contempo cristallino - di uno dei geni della drammaturgia inglese, noto per "La pazzia di Re Giorgio", "Nudi e crudi", "La cerimonia del massaggio". Scopriamo un giovanissimo Bennett stregato dagli spogliatoi, intento nella "furtiva mappatura" dell'incipiente virilità degli altri allievi; o, come in trance, assistere in piscina alle loro segrete tresche: incuriosito ma, a causa di uno sviluppo ritardato, ancora immune dalle scariche ormonali che possono spingere a partecipare a quell'invitante banchetto di corpi e di sesso. Poi, dopo la leva, lo ritroviamo che vagabonda a sera in ronde solitarie alla ricerca di un compagno per la vita. Ma per lunghe che siano, le rette del desiderio gli sembrano destinate a non incrociarsi mai: "gli esseri umani sono paralleli, mai convergenti - distinti, separati, ciascuno è cinto di mura e fossato, e così via all'infinito". E poi ecco il Bennett della prima maturità, timido, fossilizzato, topo di biblioteca, e la rivelazione degli scrittori gay e di tutto un mondo semi-clandestino di incontri, di sotterranee reti di solidarietà in una società ostile e sessuofobica intenta a bombardare l'involucro protettivo degli individui. Con un caustico aforisma finale: "del sesso, però, possiamo pensare di averne avuto meno di quanto ci spetta e contemporaneamente più di quanto meritiamo".

La riproduzione di questo testo è vietata senza la previa approvazione dell'autore.

Potrebbe interessarti anche…

autoretitologenereanno
Alan BennettCerimonia del massaggio, Laromanzo2002

Le recensioni più lette di questi giorni

  1. 1

    Relax (videoclip, 1983)

    di

  2. 4

    Sukia (fumetto, 1978)

    di

  3. 5

    Vogue (videoclip, 1990)

    di

  4. 6

    Smalltown boy (videoclip, 1984)

    di

  5. 8

  6. 10

    Isabella (fumetto, 1966)

    di