Angels in America

26 gennaio 2005

Da tempo si pensava alla possibilità di una trasposizione cinematografica del capolavoro di Kushner (cui rimando per un commento all'opera), e tra gli altri era stato fatto anche il nome di Robert Altman. Alla fine si è preferita la forma della miniserie televisiva per non ridurre troppo il testo di partenza.

La sceneggiatura è stata curata dallo stesso Kushner, che ha sacrificato poche parti inessenziali del suo dramma, soprattutto della seconda parte, ma senza cambiare una virgola di ciò che ha mantenuto.

La direzione è stata invece affidata a Mike Nichols, regista di ottimo mestiere, la scelta ideale per ottenere una regia intelligente, con momenti ispirati, ma non troppo invadente.


La serie rispetta infatti quasi con venerazione il testo di Kushner, senza però rinunciare a qualche aggiunta perfettamente intonata, come la citazione da La bella e la bestia di Cocteau nella scena del sogno comune di Prior e Harper. Nichols non ha quindi deluso le aspettative e, a dieci anni circa dalla prima comparsa sui palcoscenici, finalmente Angels in America ha fatto il giro del mondo.


La vendibilità del prodotto, in sé per nulla scontata visto non solo il tema trattato (l'omosessualità ai tempi dell'AIDS, o meglio ai tempi di Reagan), ma anche il punto di vista dichiarato fin dal sottotitolo del dramma ("una fantasia gay su temi nazionali"), è stata garantita soprattutto da un cast di prima scelta, che riunisce tra l'altro Meryl Streep, Al Pacino e Emma Thompson. Come nella versione teatrale, così anche in quella televisiva ciascuno di essi è impegnato a sostenere più ruoli, in un tour de force superato da tutti in modo più che brillante.


Il successo della miniserie prodotta dalla HBO (la stessa di Six Feet Under) e il suo carattere di evento è stato siglato da una pioggia di premi, tra i quali ben undici Emmy Awards.


Da raccomandare a tutti coloro che pensano che Queer as Folk sia il capolavoro della cultura gay del XX secolo.

Per chi volesse approfondire, rimando a un mio saggio liberamente disponibile online.

La riproduzione di questo testo è vietata senza la previa approvazione dell'autore.

Potrebbe interessarti anche…

titoloautoredata
"Gli anagrammi di Varsavia" e l'omosessualità
Intervista a Richard Zimler
Stefano Bolognini09/05/2012
autoretitologenereanno
AA.VV.Gay roots 2miscellanea1993
AA.VV.Men on men 3racconti2004
AA.VV., Laura Quercioli Mincer, Grillini Franco, Franco Grillini, Claus Nachtwey, Luigi Nieri, Mariella Gramaglia, Imma Battaglia, Paola Colaiacono, Sonia Sabelli, Gianpaolo Derossi, Luigi Marinelli, Gian Piero Piretto, Andrea Lena CorritoreOmosessualità e Europa. Culture, istituzionui, società a confrontomiscellanea2006
Yehoshua Bar YosefMio amato, Ilracconti1999
Michael CardenSodomysaggio2004
Clara CarpaniniVedermi alla terza personabiografia2008
Massimo ConsoliEcce homosaggio1998
Tony KushnerAngels in Americateatro1995
Martti NissinenHomoeroticism in the Biblical worldsaggio1998
Angelo PezzanaDentro & Fuoribiografia1996
Tutti i risultati (16 libri) »
titoloautoredata
Bibbia ed esistenza lesbica
Una bibliografia a cura di Patrizia Ottone
Vari21/11/2011

Le recensioni più lette di questi giorni

  1. 1

    Relax (videoclip, 1983)

    di

  2. 4

  3. 5

    What/If (serie tv, 2019)

    di

  4. 7

  5. 8

    Sukia (fumetto, 1978)

    di

  6. 9

    Altri libertini (libro, 1980)

    di