Una giornata particolare

3 aprile 2005, "A qualcuno piace gay" (La libreria di Babilonia, 1995)

E' un magnifico film sul fascismo visto dalla porta di servizio, quella dei diversi, che riflette malinconicamente, in maniera sommessa e senza alzare la voce, ma con eleganza e tatto, su una società che allora era all'apogeo della sua espressione. La voce che troneggia in ogni angolo dell'immane caseggiato, contrapposta alla fotografia seppiata e smorta, sottolinea lo stridente contrasto tra la tronfia esaltazione del regime e la giornata grigia di chi è messo ogni giorno a tacere e non può esprimersi con libertà.

I due protagonisti - ancora una volta la coppia Loren/Mastroianni, spogliata da ogni erotismo e a loro agio in un tono dimesso - per quanto diversi, sono accomunati dal medesimo destino e sono, nello stesso tempo, simboli e persone vere. Gabriele, gentile e riservato pur nella sua angoscia esistenziale, non può vivere apertamente la sua omosessualità - osteggiata perché contrasta con l'idea di virilità che il fascismo esige - che gli ha fatto perdere il posto ed lo ha destinato al confino. Antonietta è una donna che al regime fascista, da lei ingenuamente adorato, serve solo per la maternità, mentre ogni altra sua ambizione è duramente frustrata; abituata ormai a vivere con un uomo grossolano, ma "virile", la sua piatta vita è solcata da un'oppressione che le lacera il cuore, ma che lei crede connaturato nelle donne.

Il loro primo approccio è negativo: Antonietta rimane sconcertata nel vedere quell'uomo garbato e premuroso ma del tutto diverso da quello esaltato dal regime e che, oltretutto, si dichiara antifascista, mentre Gabriele trova insopportabili la sua venerazione nei confronti di chi la costringe a servire in silenzio. Ma poi riescono ad intendersi, trovando un punto d'incontro nell'affetto e nella solidarietà. La giornata che vivono è particolare per tutti e due, anche se, come dice Gabriele, non cambierà nulla: lui continuerà a desiderare (invano) gli uomini ed andrà al confino, mentre lei continuerà ad essere maltrattata dal marito (anche se al ritorno dalla parata non gli si concederà). Ma entrambi hanno trovato, almeno una volta, quella tenerezza da sempre invano desiderata.
La riproduzione di questo testo è vietata senza la previa approvazione dell'autore.

Altre recensioni per Giornata particolare, Una

titoloautorevotodata
Una giornata particolareVari
01/05/2005

Potrebbe interessarti anche…

autoretitologenereanno
Flavia BiondiBarba di perledrammatico2012
Luca de Santis, Sara Colaone, Giovanni Dall'OrtoIn Italia sono tutti maschistorico2008
Alan Moore, David LloydV per Vendettafantascienza2006
autoretitologenereanno
AA.VV.E l'ultima chiuda la portamiscellanea1996
AA.VV.Giornata particolare di Ettore Scola, Unasaggio2003
AA.VV.Nel nome della razzasaggio2000
AA.VV., Nerina Milletti, Luisa Passerini, Elena Biagini, Alessandra Cenni, Nicoletta Poidimani, Gabriella Romano, Laura SchettiniFuori della normamiscellanea2007
AA.VV., Anna Riva, Franca Casamassima, Rino Pullano, Dario Petrosino, Stefano Casi, Alberto Bigagli, Roberto Barbabè, Giuseppe SolfriniOmosessualità fra identità e desiderio, L'miscellanea1992
Tatamkhulu AfrikaParadiso amaroromanzo2006
AnonimoReverendo giù le manisaggio2000
Gianni BaldiDolce Egeo, guerra amarasaggio1988
Giorgio BassaniOcchiali d'oro, Gliromanzo2005
Lorenzo BenadusiNemico dell'uomo nuovo, Ilsaggio2005
Tutti i risultati (40 libri) »
titoloautoredata
Catania, 1939
Incontro con Pino, confinato politico omosessuale nel 1939
Franco Goretti19/10/2004
I luoghi di Pino, confinato politico omosessuale nel 1939Franco Goretti21/10/2004
«Scaruffati folletti»: frammenti di un discorso omoerotico in GaddaDaniele Cenci22/05/2007

Le recensioni più lette di questi giorni

  1. 1

  2. 5

    Relax (videoclip , 1983)

    di

  3. 7

  4. 9

    Dune (libro , 1984)

    di

  5. 10

    Spatriati (libro , 2021)

    di