Gli occhiali d'oro

1 maggio 2005, "A qualcuno piace gay" (La libreria di Babilonia, 1995)

Tratto dall'elegante romanzo di Giorgio Bassani, il film ne rispetta sicuramente la trama, incentrata sul delicato ed umano rapporto che nasce tra il dottor Fadigati e Davide.

I due imparano a stimarsi perché vittime di prevaricazioni, sia pur differenti, ed accomunati da un'analoga solitudine. Davide vive con lungimirante preoccupazione e con coraggio - quel coraggio che non ha invece Nora, che tradisce lui e la sua religione per garantirsi un futuro migliore - i fermenti antisemiti che costringono la famiglia ed i suoi amici, come il prof. Perugia, a subire ogni giorno di più umilianti costrizioni.

Il dottor Fadigati (ai cui eleganti occhiali d'oro si riferisce il titolo) paga invece lo scotto di una passione travolgente per il bellissimo e spregiudicato Eraldo. Per il giovane boxeur, Fadigati - colto, raffinato e gentile con tutti - esce allo scoperto, decidendo di abbandonare quel riserbo e quella discrezione in cui aveva affogato la propria omosessualità e brucia tutta la sua fama di rispettabile ed affermato professionista.

Ma, pur rispettando le premesse del romanzo, il film ne tradisce la profondità, con una ricostruzione in cui musica e fotografia danno un tono di già visto e patinaceo, e soprattutto attraverso una sceneggiatura fatta di dialoghi scontati (e spesso decisamente troppo moderni per l'epoca) che non mettono sufficientemente a fuoco i personaggi e in cui si perdono le impalpabili sfumature del testo, fatto di pause, di significativi silenzi, di sottili sottintesi.

La stessa omosessualità - la cui centralità rende comunque il film degno di nota - ha nell'economia del film un ruolo senz'altro limitato, solo ed esclusivamente in funzione dell'emarginazione di Fadigati. E d'altra parte il rapporto con Eraldo è visto solo esternamente, in improbabili gite in barca davanti agli occhi di tutti o in picnic in cui non si va oltre il reciproco sfiorarsi.

Il sesso è del tutto escluso e si limita alla visione del bel corpo nudo di Eraldo, mentre si dà risalto alle scene d'amore tra Davide e Nora. Eccellente la prova di Philippe Noiret.
La riproduzione di questo testo è vietata senza la previa approvazione dell'autore.

Altre recensioni per Occhiali d'oro, Gli

titoloautorevotodata
da RiDVDere - Occhiali d'oroMario Gardini06/11/2011

Potrebbe interessarti anche…

autoretitologenereanno
Flavia BiondiBarba di perledrammatico2012
Luca de Santis, Sara Colaone, Giovanni Dall'OrtoIn Italia sono tutti maschistorico2008
Alan Moore, David LloydV per Vendettafantascienza2006
autoretitologenereanno
AA.VV.E l'ultima chiuda la portamiscellanea1996
AA.VV.Giornata particolare di Ettore Scola, Unasaggio2003
AA.VV.Nel nome della razzasaggio2000
AA.VV., Nerina Milletti, Luisa Passerini, Elena Biagini, Alessandra Cenni, Nicoletta Poidimani, Gabriella Romano, Laura SchettiniFuori della normamiscellanea2007
AA.VV., Anna Riva, Franca Casamassima, Rino Pullano, Dario Petrosino, Stefano Casi, Alberto Bigagli, Roberto Barbabè, Giuseppe SolfriniOmosessualità fra identità e desiderio, L'miscellanea1992
Tatamkhulu AfrikaParadiso amaroromanzo2006
AnonimoReverendo giù le manisaggio2000
Gianni BaldiDolce Egeo, guerra amarasaggio1988
Giorgio BassaniOcchiali d'oro, Gliromanzo2005
Lorenzo BenadusiNemico dell'uomo nuovo, Ilsaggio2005
Tutti i risultati (40 libri) »
titoloautoredata
Catania, 1939
Incontro con Pino, confinato politico omosessuale nel 1939
Franco Goretti19/10/2004
I luoghi di Pino, confinato politico omosessuale nel 1939Franco Goretti21/10/2004
«Scaruffati folletti»: frammenti di un discorso omoerotico in GaddaDaniele Cenci22/05/2007

Le recensioni più lette di questi giorni

  1. 1

  2. 3

    Pose (serie tv, 2018)

    di

  3. 5

    Gold (canzone, 2020)

    di

  4. 6

    Vogue (videoclip, 1990)

    di

  5. 7

    Accendimi di desiderio (libro, 2004)

    di Vari

  6. 8

  7. 10

    Sukia (fumetto, 1978)

    di