Sebastiane

8 giugno 2005, "A qualcuno piace gay" (La libreria di Babilonia, 1995)

Sebastiane (forma vocativa latina del nome, quindi "oh Sebastiano") è il film che ha reso celebre Derek Jarman. Girato in Sardegna con mezzi modesti da una troupe del tutto gay, ha la caratteristica di essere parlato - caso unico nella storia del cinema - in latino, anche se curiosamente venato da un accento inglese.

Jarman ha riletto il martirio del santo gay per eccellenza in una chiave sadomasochistica, in cui è facile leggere la prevaricazione del diverso - che qui paradossalmente è chi non accetta l'omosessualità - e la forza distruttrice dell'ideologia religiosa. La figura di Sebastiano viene infatti vista come archetipica della repressione cristiana di una libera sessualità: il soldato, che trova solo nel delirio un momento di sincerità, si autopunisce con voluttuoso masochismo perché si sente colpevole di amare Severo, che gli appare come "un dio biondo e solare"; mentre Severo, non potendo possedere quel corpo bramato ardentemente, sublima in sadismo il suo desiderio sessuale.

Ma Sebastiano è sacrificato in nome di tutta la comunità (si pensi alla scena simbolica della cattura del cinghiale) mentre tutti i suoi aguzzini concretizzano quell'omosessualità - consumata apertamente solo dalla coppia Adriano/Antonio, protagonisti di un'efficacissima scena erotica au ralenti - in discorsi ed in atteggiamenti che rimandano in continuazione al sesso.

Il film trova forse un suo limite in un eccessivo estetismo che fa perdere forza alla provocazione. Molti temi si risolvono su un piano soprattutto estetico (come nella scena in cui Sebastiano è trafitto, che è un'evidente citazione di tanta pittura del Quattrocento e Cinquecento) e che talvolta può sconfinare nel kitsch, come nella scena iniziale: una danza fallica (del grande Lindsay Kemp) in cui vengono mimati accoppiamenti omo che si concludono con un'eiaculazione collettiva. Un preziosismo formale capace però di dare vita ad effetti molto poetici, come nell'estatiche visioni dei corpi nudi di Sebastiano e dei soldati o di lui che si specchia nella pozza d'acqua e declama una poesia al sole.

Il commento musicale di Brian Eno è eccellente e contribuisce a creare un'atmosfera sospesa, soprattutto nella straordinaria scena grandangolare del supplizio.

La riproduzione di questo testo è vietata senza la previa approvazione dell'autore.

Altre recensioni per Sebastiane

titoloautorevotodata
SebastianeMauro Giori
11/04/2004

Potrebbe interessarti anche…

autoretitologenereanno
AA.VV.Frammentishōnen'ai2003
AA.VV.Gocceshōnen'ai2002
Barbara Apostolico, Claudia LombardiCaim 4shōnen'ai2004
Francesca Bonifacio, Lucia Piera De PaolaSynapsysshōnen'ai2013
Copi (pseud. Raul Damonte-Taborda)Fantastico mondo dei gay, Ilcomico1987
Gaspare De Fiore, Santi D'AmicoDe Sadeerotico1971
Enzo Di LauroSol 4015fantascienza2011
Roy (pseud.) KlangDick mastererotico2003
Kazuma KodakaKizuna 2shōnen'ai2001
Ralf KönigKonrad & Paulcomico1994
Tutti i risultati (24 fumetti) »
titoloautoredata
L'impero degli orsi
Intervista a Gengoroh Tagame
Massimo Basili18/06/2010
autoretitologenereanno
AA.VV.100 libri da salvarebibliografia1996
AA.VV.Alien sexracconti2003
AA.VV.Among womenmiscellanea2002
AA.VV.Leatherfolksaggio1991
AA.VV.Vita e cultura gaydocumenti2007
AA.VV., Edward Bryant, Bruce McAllister, Connie WillisFantasexracconti1998
AA.VV., Samuel Delany, Philip José FarmerPremi Hugo 1955-1975, Iracconti1978
Dario BellezzaCarnefice, Ilromanzo1973
Dario BellezzaInnocenza, L'romanzo1970
Dario BellezzaLettere da Sodomaromanzo1977
Tutti i risultati (86 libri) »
titoloanno
Cucumber2015
London Spy2015
titoloartistaanno
EroticaMadonna, Naomi Campbell, Isabella Rossellini, Tony Ward1992
Point GGael, Gael Hausmann2010
RelaxHollie Johnson, Paul Rutherford1983
TeethRust Slovenec2008
There is a light that never goes out1986

Le recensioni più lette di questi giorni

  1. 2

    Isabella (fumetto, 1966)

    di

  2. 5

    Relax (videoclip, 1983)

    di

  3. 7

  4. 8

    Sukia (fumetto, 1978)

    di